Infortuni domestici: maggiori tutele in Legge di Bilancio e aumento del premio

Infortuni domestici: maggiori tutele in Legge di Bilancio e aumento del premio

La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto novità con riferimento alla tutela contro gli infortuni domestici. Tra questi si segnala la diminuzione della percentuale minima per la rendita, ma anche l’importo del premio che sale dal valore di euro 12,91 ad euro 24,00 annuali.

Soggetti interessati

La Legge di Bilancio 2019, L. n. 145/2018, con l’art. 1, commi 534 e 535, reca delle modifiche alle norme poste a tutela della salute nelle abitazioni e l’assicurazione contro gli infortuni domestici, con l’obiettivo di ampliare e migliorare la tutela assicurativa delle persone che svolgono a titolo gratuito e senza vincolo di subordinazione, un’attività rivolta alla cura dei componenti della famiglia e dell’ambiente in cui dimorano, in modo abituale ed esclusivo, vale a dire non svolgono altre attività per le quali sussiste obbligo di iscrizione a un altro ente o cassa previdenziale.

Quanto detto chiarisce che le modifiche riguardano i soggetti (normalmente casalinghe) che:

  • si occupano della cura dei componenti della famiglia e dell’ambiente in cui dimorano;
  • esercitano tale attività a titolo gratuito e senza vincolo di subordinazione;
  • esercitano tale attività in modo abituale ed esclusivo (non devono essere perciò iscritti ad altri enti o casse previdenziali).

Le novità della Legge di Bilancio in tema di infortuni domestici

Più in particolare, con le modifiche apportate con LdB 2019, è aumentata l’età dei soggetti obbligati all’iscrizione all’assicurazione contro gli infortuni domestici (da 18 anni a 67 anni anziché 65), mentre è diminuita la percentuale di inabilità permanente al lavoro per cui è prevista assicurazione (dal 27% precedente al 16% attuale).

Altre modifiche hanno riguardato l’entità del premio assicurativo unitario a carico dei soggetti, il quale dalle precedenti (ancora non uniformate all’euro) “25.000 lire”, si attesta ora a euro 24,00 annuali.

Tra le norme a tutela a seguito di infortunio inoltre, è prevista ora una prestazione una tantum di importo pari a euro 300,00 qualora l’inabilità permanente sia compresa tra il 6% e il 15%, oltre che la corresponsione dell’assegno per assistenza personale continuativa in caso di infortunio domestico.

Il nuovo regime assicurativo decorre dal 1° gennaio 2019.

La Circolare INAIL

A rincarare la dose di informazioni su tale argomento e allo scopo di uniformare la prassi in tema, è comunque intervenuto l’INAIL nei giorni scorsi che prontamente, con Circolare n. 2 del 22 gennaio 2019, con la quale l’Istituto fornisce la “prima informativa sulle modifiche apportate dalla legge di bilancio 2019 alla legge 3 dicembre 1999, n. 493 (articolo 1, commi 534 e 535, legge 30 dicembre 2018, n. 145)”.

La Circolare in esame fornisce infatti delle prime indicazioni in ordine alle modifiche apportate, alle quali seguiranno ulteriori approfondimenti non appena verrà data attuazione alle nuove disposizioni con l’emanazione del decreto interministeriale di cui all’articolo 1, comma 535, della Legge 30 dicembre 2018, n. 145.

Tutela assicurativa rinforzata

Come già accennato, le norme in questione interessano tutti quei soggetti che svolgono, a titolo gratuito e senza vincolo di subordinazione, un’attività rivolta alla cura dei componenti della famiglia e dell’ambiente in cui dimorano, in modo abituale ed esclusivo. A tali soggetti è ora ampliata la tutela assicurativa anzitutto con l’abbassamento del grado di inabilità permanente necessario per la costituzione della rendita, che passa dal 27 al 16%.

Il grado di inabilità dovrà comunque essere accertato secondo le regole stabilite dall’art. 102 del TU delle disposizioni per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, DPR 30 giugno 1965, n. 1124, per cui una volta ricevuto il certificato medico costatante l’esito definitivo della lesione, l’Istituto assicuratore dovrà comunicare se siano o no prevedibili…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it