Riduzione contributiva in edilizia: la richiesta va fatta entro il 15 gennaio

Mancano pochi giorni ancora per richiedere la riduzione contributiva in edilizia per il 2017. Anche per il 2017 il Decreto 5 luglio del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha confermato la possibilità di avvalersi di una riduzione contributiva in base all’art.29 del D.L. 244/1995 da parte delle imprese edili classificate dall’INPS con Codice statistico contributivo compreso tra il 41301 ed il 41305 (settore edili artigiani) e da 11301 a 11305 (settore industria edile). La precedente circolare 129 del 1 settembre 2017 ci aveva riepilogato le indicazioni per accedere alla riduzione, che consiste nell’applicazione di un’aliquota “ridotta dell’11,50% per le assicurazioni sociali diverse da quella pensionistica“.

La riduzione si applica solo in riferimento agli operai in forze a tempo pieno (40 ore settimanali). lo sgravio si riferisce a tutto il periodo amministrativo 2017. altre caratteristiche brevemente descritte: la riduzione non spetta in riferimento ad operai per i quali sono state applicati specifici sgravi contributivi di altra natura; non spetta nei confronti di quei lavoratori oggetto di contratti di solidarietà non spetta nei confronti dei datori di lavoro che si trovino in stato di irregolarità contributiva (DURC irregolare) non spetta ai datori di lavoro che abbiano riportato condanne per illeciti in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro. non spetta nei confronti dei lavoratori impiegati e nei confronti dei lavoratori operai part time.

Si rammenta che al fine di poter godere del beneficio contributivo occorre che l’azienda abbia ricevuto l’attribuzione del codice autorizzativo 7N per l’anno 2017 nel periodo da settembre a dicembre 2017 e chiaramente questo codice è consultabile attraverso l’accesso al cassetto previdenziale. Pertanto i datori di lavoro che intendono avvalersi della riduzione potranno ancora inviare le domande per l’applicazione della riduzione entro il 15 gennaio 2018, attraverso il cassetto previdenziale attraverso la compilazione del modulo Rid-Edil da scaricare nella sezione “comunicazioni on line ” – invio nuova comunicazione. Una volta ottenuto il codice autorizzazione dall’INPS, i datori di lavoro potranno fare uso del codice L207 per il recupero degli arretrati di tutto il periodo 2017.

 

8 gennaio 2018

Antonio Tuzio

Da Luglio 2018 stop ai contanti per il pagamento delle buste paga

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it