Fondo patrimoniale a rischio ipoteca se non si dimostra l’estraneità del debito alle esigenze familiari

Con l’ordinanza n. 25443 del 26/10/2017 della Corte di Cassazione si è affermato il principio per il quale, in ambito di riscossione coattiva delle imposte, è possibile l’iscrizione ipotecaria anche sui beni del cd fondo patrimoniale solo in due casi ben specifici:

nel caso in cui l’obbligazione tributaria risulta essere strumentale ai bisogni della famiglia e,

nell’ipotesi in cui il titolare del credito non ne conosceva l’estraneità a tali bisogni.

Dunque, risulterebbero pignorabili gli immobili dell’imprenditore costituiti in un fondo patrimoniale anche se il debito con il fisco nasce dall’attività aziendale e spetterebbe al contribuente dimostrare l’estraneità di tale debito dalle esigenze della famiglia.
Non può escludersi che il debito tributario scaturente dall’attività imprenditoriale sia stato contratto per esigenze familiari, che sono …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it