Il credito d’imposta IRAP per imprese senza dipendenti

di Celeste Vivenzi

Pubblicato il 15 luglio 2017

in vista della scadenza del pagamento dell'IRAP di cui al modello Redditi 2017 proponiamo un ripasso della gestione del credito d'imposta IRAP spettante alle imprese senza dipendenti: i casi in cui spetta, le modalità pratiche di calcolo, i quadri di dichiarazione, l'utilizzo in F24

Commercialista_Telematico_Post_1200x628px_Dichiarazione_RedditiLa legge di Stabilità 2015 - Legge 190/2014 - ha stabilito, a far data dall'anno 2015, la possibilità, per i soggetti che non impiegano lavoratori dipendenti, di usufruire di un credito d’imposta IRAP, da utilizzare esclusivamente in compensazione entro il limite annuo di 700.000 euro, pari al 10% dell’imposta lorda.

L’agevolazione è mossa dalla volontà del Legislatore di garantire una parità di trattamento tra soggetti senza dipendenti e soggetti che possono sfruttare la deduzione integrale del costo dei lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato.

Nota: i soggetti passivi Iva possono fruire di un credito d’imposta nel caso siano privi di lavoratori dipendenti o assimilati nella misura del 10% dell’Irap dovuta per il periodo d’imposta