Le nuove tempistiche per registrare le fatture e detrarre l'IVA - le novità della manovra correttiva 2017

Dal 24 aprile, giorno della pubblicazione e dell’entrata in vigore del DL 50/2017, tutti i commentatori hanno posto l’attenzione sulla drastica contrazione, prodotta dalla nuova norma, dei termini per l’esercizio del diritto alla detrazione dell’iva assolta sugli acquisti.
Il termine, previsto dall’art 19, dal 1998 coincidente con “la presentazione della dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello nel quale il diritto è sorto”, è stato infatti sostituito con “la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto”.
Ossia, dal 24 aprile, abbiamo esattamente due anni di meno per esercitare il diritto a detrarre l’imposta, pena l’estinzione dello stesso per mancato esercizio, ossia la sua prescrizione.
L’imposta relativa a presupposti la cui esigibilità si sia verificata tra il 1 gennaio ed il 31 dicembre di un qualsiasi anno può adesso essere detratta esclusivamente entro il 30 aprile dell’anno successivo (data di scadenza della presentazione della dichiarazione Iva); altrimenti il diritto è estinto.
Si tratta della fattispecie di prescrizione più rapida che conosciamo, introdotta non certo esigenze di lotta all’evasione, visto che il diritto alla detrazione risponde ai principi stessi della direttiva UE di neutralità del tributo, ma per esclusive ragioni di finanza pubblica.
La nuova norma, avente natura sostanziale, che disciplina la nascita del diritto alla detrazione ed il termine entro il quale esso può essere esercitato, va poi coordinata con il nuovo art. 25 (anch’esso modificato) che prevede la registrazione delle fatture di acquisto, entro la liquidazione nella quale è esercitato il diritto alla detrazione della relativa imposta e comunque entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all’anno di ricezione della fattura e con riferimento al medesimo anno.
Nell’attesa della conversione del Decreto (che potrebbe riservarci altre sorprese) …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it