La confisca per equivalente per i reati tributari trova obbligatoria applicazione anche in caso di patteggiamento

La Corte di Cassazione, Sezione III, con la recente sentenza del 28 novembre 2016, n. 50338, ha ribadito che la confisca “diretta” o “per equivalente” del profitto dell’illecito penal-tributario, coincidente con l’imposta evasa, deve obbligatoriamente essere disposta anche con il provvedimento giurisdizionale di applicazione della pena su richiesta delle parti ex art. 444 c.p.p. (c.d. patteggiamento).
In particolare, a seguito di ricorso presentato dal Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Roma avverso la sentenza del Tribunale di Frosinone che, nel disporre l’applicazione della pena per il reato di cui al comma 1 dell’art. 5 D.Lgs. n. 74/2000 (ommessa presentazione della dichiarazione ai fini I.V.A.)1, aveva omesso di disporre la confisca per equivalente prevista per il reato contestato con riferimento al profitto illecitamente conseguito, la Suprema Corte …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it