Bilancio con nuove regole e principi nazionali OIC alla luce del decreto Milleproroghe

di Sonia Cascarano

Pubblicato il 6 marzo 2017

il bilancio 2016 porterà con sè molte novità derivanti dall'aggiornamento dei principi OIC: obbligo di rendiconto, costo ammortizzato, la contabilizzazione dei derivati... in questo articolo vediamo quali sono le modifiche dell'ultimo minuto arrivate col decreto milleproroghe a fine febbraio

2017plusLe novità al sistema di norme e principi sulla disciplina civilistica del bilancio di esercizio ed, in generale, in materia di fiscalità nazionale apportate con il D.Lgs. n. 139/20151, in attuazione della direttiva 2013/34/UE, portano a porsi interrogativi circa l’impatto che la riforma ha avuto sui principi contabili nazionali all’interno del contesto contabile internazionale.

In particolare si osservano:

  • le modifiche ai principi di redazione del bilancio di esercizio che hanno portato alla possibilità di non rispettare gli obblighi di rilevazione, valutazione, presentazione ed informativa del bilancio nel caso in cui l’inosservanza di questi principi sia irrilevante per la rappresentazione corretta e veritiera, così come secondo il dettato internazionale dei principi che prediligono il principio di prevalenza della sostanza economica dell’operazione sulla forma giuridica.

Si inserisce nell’art. 2423-bis c.c. il comma n. 1-bis secondo il quale “la rilevazione e la presentazione delle voci è effettuata tenendo conto della sostanza economica dell’operazione o del contratto” e, contestualmente, elimina quanto disposto dall’art. 2423-bis c.c. che, al punto 1, stabiliva che nella valutazione delle voci si tenesse “conto delle funzione economica dell’elemento attivo o del passivo considerato”.

Quanto sopra conferma la previsione dell’art. 6, c. 1 della Direttiva 2013/34/UE, che vuole, tra i principi generali di bilancio, come la “rilevazione e la presentazione delle voci del conto economico e dello stato patrimoniale tengono conto della sostanza dell’operazione o del contratto in questione”;

  • il tema degli strumenti finanziari derivati, speculativi e di copertura, secondo il nuovo modello contabile al fine di rappresentare in bilancio i contratti derivati attraverso una misurazione periodica del fair value degli strumenti finanziari.

L’introduzione di una disciplina specifica per gli strumenti finanziari derivati è un punto focale fondamentale che si applica a tutte le imprese anche alle imprese con bilancio in forma abbreviata, con esclusione delle micro- imprese, ex art. 2435- ter c.c.: si ricorda, nell’ottica dell’innovazione, che nel mese di dicembre 2016 è stato pubblicato il nuovo OIC 32 per gli strumenti finanziari che