La mediazione tributaria è costituzionalmente legittima

La Corte Costituzionale, con l’Ordinanza n. 38 del 2017, ha dichiarato inammissibili, o comunque non fondate le questioni di legittimità costituzionale sollevate in riferimento all’art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/1992.
Il giudizio di legittimità costituzionale era stato promosso dalla Commissione Tributaria Provinciale di Milano, in riferimento agli artt. 3, 24 e 111 della Costituzione.
Secondo il rimettente la disposizione impugnata poteva ledere, innanzitutto, l’art. 3 Cost., sotto il profilo della disparità di trattamento, dal momento che essa si riferisce (riferiva) ingiustificatamente ai soli tributi di competenza dell’Agenzia delle entrate e nel limite dei ventimila euro.
La soglia dei ventimila euro, del resto, poteva discriminare, in assenza di idonea giustificazione, la situazione dei contribuenti in ragione di un mero dato quantitativo che non trova riscontro in …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it