Accertamento nullo senza firma del dirigente; grava sull’Ufficio l’onere di fornire la prova

L’accertamento deve essere sottoscritto dal funzionario delegato dal direttore dell’ufficio finanziario e appartenere alla carriera direttiva, altrimenti l’atto è nullo secondo il contratto del comparto “agenzie fiscali”.
Il principio è contenuto nella sent. n. 26295/2016 della Corte di Cassazione da cui emerge che, se il contribuente eccepisce la validità della firma sull’atto impositivo, grava sull’ufficio l’onere di fornire la prova dell’appartenenza del funzionario alla carriera direttiva o prova della delega
GIURISPRUDENZA
Il Legislatore ha previsto che l’accertamento è nullo ai sensi dell’art. 42 del Dpr n. 600/1973 e art. 56 Dpr n. 633/1972 se non reca la sottoscrizione del capo dell’ufficio o di altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato. Se la sottoscrizione non è quella del capo ufficio titolare ma di un funzionario della carriera direttiva, incombe all’Amministrazione dimostrare il corretto esercizio del potere sostitutivo da parte del sottoscrittore o la presenza della delega.
Sul tema in esame la giurisprudenza di legittimità si è già pronunciata più volte, affermando che se l’ufficio finanziario non prova che l’accertamento è firmato da un funzionario legittimamente delegato l’atto è nullo. In particolare i giudici hanno ritenuto che l’accertamento è nullo ai sensi dell’art. 42, del Dpr n. 600/1973 se non reca la sottoscrizione del capo dell’ufficio o di altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato.
Nel precisare che solo in alcune specifiche ipotesi opera la presunzione generale di riferibilità dell’atto all’organo amministrativo titolare del potere nel cui esercizio è adottato, se viene contestato un specifico atto di delega da parte del capo ufficio incombe all’Amministrazione fornire la prova della non sussistenza dell’atto, sia in virtù del principio di leale collaborazione che grava sulle parti processuali che in virtù del principio della vicinanza della prova, non essendo consentito nemmeno al giudice attivare d’ufficio poteri istruttori (Cass nn. 18758/2014 e 1704/2013).
Pertanto gli accertamenti sono nulli tutte le volte che gli avvisi non risultano sottoscritti dal capo dell’ufficio o da un funzionario validamente delegato (Cass n. 22800/2015).
Anche i giudici di merito hanno ribadito che l’avviso di accertamento è nullo se non contiene la sottoscrizione del capo dell’ufficio e di altro impiegato direttiva dallo stesso delegato e l’onere di provare in giudizio la corretta attribuzione del potere di firma dell’accertamento del direttore delegato spetta all’ufficio finanziario (cfr. CTP Rieti sent. n.352/2016).
Pertanto se viene contestato uno specifico atto di delega da parte del capo ufficio incombe all’Amministrazione finanziaria fornire la prova della non sussistenza dell’atto, sia in virtù del principio di leale collaborazione che grava sulle parti processuali che in virtù del principio della vicinanza della prova, non essendo consentito nemmeno al giudice attivare d’ufficio poteri istruttori
Nel caso esaminato i giudici hanno accertato che l’atto era stato sottoscritto dal funzionario responsabile dell’Ufficio controlli mediante la dicitura “con firma apposta su delega del direttore provinciale”, invitando l’ufficio a provare l’esistenza della delega e a depositarla in giudizio.
La delega non è risultata agli atti del giudizio e né era richiamato alcun provvedimento autorizzativo circostanziato capace di ipotizzarne quantomeno in astratto l’esistenza. L’ufficio avrebbe dovuto provare la corretta attribuzione del potere di sottoscrizione dell’accertamento del direttore delegato, mediante produzione della delega in giudizio. Infatti se la sottoscrizione non è quella del capo dell’ufficio titolare ma di un funzionario (direttore tributario di nona qualifica funzionale), incombe all’amministrazione dimostrare, in caso di contestazione, il corretto esercizio…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it