Via libera alle notifiche degli atti di accertamento via PEC!

di Gianfranco Antico

Pubblicato il 3 dicembre 2016

una delle novità della Legge di bilancio 2017 è che dal prossimo anno le notifiche degli atti tributari viaggeranno quasi esclusivamente via PEC; in questo articolo analizziamo la nuova norma: le modalità di notifica telematica, le problematiche relative alla PEC satura, la notifica per i soggetti non obbligati all'uso della PEC

ct-facebookIl D.L. n. 193/2016, attraverso l’art. 7-quater, inserito in sede emendativa, ha integrato tecnologicamente l’art. 60 del D.P.R. n. 600/73, norma che si occupa del procedimento di notificazione degli atti di accertamento.

LA NORMA PER I SOGGETTI OBBLIGATI

Il Legislatore ha aggiunto, alla fine del citato art.60, un comma con il quale viene previsto, in deroga all’art. 149-bis c.p.c. e alle modalità di notificazione previste dalle norme relative alle singole leggi d’imposta non compatibili con quelle oggi introdotte, che la notificazione degli avvisi e degli altri atti che per legge devono essere notificati alle imprese individuali o costituite in forma societaria e ai professionisti iscritti in albi o elenchi istituiti con legge dello Stato può essere effettuata direttamente dal competente ufficio con le modalità previste dal regolamento di cui al D.P.R. 11 febbraio 2005, n. 68, a mezzo PEC, all’indirizzo del destinatario risultante dall’