Jobs act delle professioni: arriverà la deducibilità delle spese di trasferta dei professionisti?

Potrebbero essere in arrivo importanti novità per i professionisti, riguardanti specificamente i criteri di determinazione del reddito di lavoro autonomo. Il Jobs act delle professioni, una volta ottenuta l’approvazione definitiva, consentirà in alcuni casi il superamento ai limiti di deducibilità pari al 2% previsti per le spese alberghiere e le spese di somministrazione di alimenti e bevande. In questi casi non dovrebbe trovare applicazione neppure la limitazione del 75% prevista per le medesime spese.
L’art. 54, comma 5, prevede al primo periodo la limitazione alla deducibilità dei predetti costi. In particolare, trattandosi di oneri la cui inerenza è in molti casi incerta il legislatore ha disposto una presunzione assoluta di non inerenza e quindi l’indeducibilità delle spese.
La tagliola opera allorquando gli oneri superano il 2% dell’ammontare dei compensi …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it