I pasti consumati dai dipendenti dei ristoranti ed il problema dell'IVA e delle imposte dirette

“La somministrazione dei pasti ai dipendenti da parte del datore di lavoro che svolge attività di ristorazione non costituisce ricavo ai fini delle imposte dirette e non è assoggettabile ad IVA”.
Con riferimento all’imposizione sui redditi, ai pasti erogati a favore dei dipendenti, il profilo fiscalmente rilevante è rappresentato dalla deducibilità del costo relativo, consentita dall’art. 95 del TUIR che comprende tra le «spese per prestazioni di lavoro dipendente … anche quelle sostenute … in natura a titolo di liberalità a favore dei lavoratori, …». A maggior ragione, siffatte «spese» vanno considerate deducibili dal reddito d’impresa se sostenute non a titolo di liberalità ma per obbligo contrattuale. Peraltro, la natura di costo non può costituire elemento presuntivo di afferente percezione di reddito per l’impresa.
Secondo l’art.95, c. 1, TUIR “…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it