Cessione d'azienda con patto di riservato dominio (e mancato pagamento del prezzo convenuto)

La Risoluzione ministeriale n. 91 del 13 ottobre 2016 chiarisce finalmente quale debba essere il trattamento ai fini delle imposte sui redditi e dell’imposta di registro nel caso in cui a seguito dell’applicazione della clausola di patto di riservato dominio ex art. 1523 C.C. l’azienda ceduta ritorni nel possesso della parte cedente.
Può accadere infatti che l’acquirente l’azienda, come nel caso in esame, non ottemperi agli impegni assunti nel contratto, ed in particolare all’integrale pagamento del prezzo convenuto, e che dunque sia tenuto a “restituire” l’azienda al cedente.
Ora si pone la questione, tutt’altro che di poco conto, di come gestire dal punto di vista fiscale tale operazione con particolare attenzione agli effetti in capo al cedente che ha dichiarato una plusvalenza che viene in tutto o in parte ad essere annullata.
L’agenzia chiarisce anche, aspetto certamente altrettanto importante, cosa avvenga ai fini dell’imposta di registro.
Leggi l’approfondimento nel PDF…—&gt…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it