Tributi locali: come individuare gli immobili rurali?

di Giovambattista Palumbo

Pubblicato il 3 settembre 2016

ai fini del pagamento dei tributi locali, è fondamentale capire se un immobile è rurale, a prescindere dal suo classamento catastale...

taverna,_la_piazzaLa Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16182 del 03.08.2016, ha chiarito i presupposti per rilevare la condizione rurale degli immobili ai fini dei tributi locali.

Nel caso di specie il Comune aveva emesso nei confronti di una società cooperativa agricola un avviso di accertamento, con il quale provvedeva a rettificare ai fini ICI il valore complessivo dei fabbricati rurali in relazione all'anno di imposta 2004.

La società contribuente impugnava l'avviso di accertamento davanti alla Commissione Tributaria Provinciale di Ravenna, deducendo l'esenzione dall'imposta, in quanto gli immobili costituivano fabbricati strumentali all'attività agricola a suo dire esenti dall'ICI, finalizzati allo svolgimento dell'attività di manipolazione e trasformazione del prodotto conferito dai soci.

La Commissione Tributaria Provinciale di Ravenna accolse il ricorso con sentenza avverso la quale il Comune propose ricorso in appello davanti alla CTR dell'Emilia.

La Commissione Tributaria Regionale dell'Emilia accolse l'appello e riformò la sentenza di primo grado, in quanto gli immobili non erano classificati come "rurali" nel catasto dei fabbricati, perché accatastati con categoria D/8 e non con categoria A/6 o D/10 e quindi non potevano godere dell'esenzione prevista per fabbricati rurali strumentali all'attività agricola.

Avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale dell'Emilia proponeva infine ricorso per cassazione la società.

Premesso che era entrato in vigore l'art. 7, cc. 2-bis, 2-ter e 2-quater, del D.L. 13 maggio 2011 n. 70, con il quale era stata introdotta