La compilazione del quadro A degli studi di settore

di Celeste Vivenzi

Pubblicato il 7 settembre 2016

la compilazione del quadro A degli studi di settore dedicato alle persoe addette all'attività può generare dubbi per le tante casistiche che devono essere trattate: i soci, i dipendenti, gli amministratori, i collaboratori... a seguito delle tante richieste dei nostri lettori proponiamo una guida per Unico 2016
charlot Come noto nel quadro A del modello studi di settore vanno indicate le informazioni relative al personale che presta servizio nell’attività, con riferimento ai lavoratori dipendenti e ai soggetti che prestano la propria attività ad altro titolo (familiari, amministratori, associati in partecipazione). Lo scopo dello studio di settore è quello di valutare l’apporto ai ricavi da parte di tutti i soggetti che prestano la propria opera nell’attività, a prescindere dal tipo di rapporto di lavoro instaurato .  
Novità per il periodo 2015: si segnala la semplificazione del quadro A “Personale addetto all’attività” che ha portato ad una maggiore uniformità dei righi da compilare. Le differenze sostanziali sono le seguenti: a) le informazioni in precedenza richieste nei righi A02 “Quadri”, A03 “Impiegati”, A04 “Operai generici”, A05 “Operai specializzati”, sono confluite nel nuovo rigo A01 “Dipendenti a tempo pieno”; b) le informazioni in precedenza richieste nei righi A06 “Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito” e A08 “Assunti con contratto di inserimento, a termine, lavoranti a domicilio, personale con contratto di somministrazione lavoro”, sono confluite nel nuovo rigo A02 “Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di l