Compensazione dei crediti tributari e visto di conformità

siamo nella fase in cui inizia ad essere importante l’utilizzabilità dei crediti fiscali, in particolare del credito IVA, per l’utilizzazione in compensazione in fase di versamento; proponiamo un ripasso aggiornato all’apposizione del visto di conformità

iva_immagineIl Legislatore, con il D.L. 78/2009, convertito con modifiche nella L. 102/2009, ha introdotto alcuni limiti e alcuni adempimenti diretti ad evitare l’utilizzo  improprio della compensazione dei vari tributi con crediti Iva inesistenti.

La norma ha sostanzialmente diviso in tre scaglioni il credito IVA e ha congiunto ad ognuno di essi determinati adempimenti, ossia:

  1. fino a euro 10.000 di credito, ridotti a euro 5.000 dall’art. 8 del D.L. 16/2012, convertito con modifiche dalla L. 44/2012, a partire dall’1 aprile 2012: il credito è utilizzabile in compensazione senza effettuare nessun adempimento particolare;

  2. per importi superiori a euro 10.000 (che erano euro 5.000 dall’1.4.12) e fino a euro 15.000: il credito è compensabile solo se prima dell’utilizzo è stata già presentata la dichiarazione Iva annuale, pertanto, è compensabile a partire dal giorno 16 del mese successivo al mese di presentazione della dichiarazione;

  3. per importi superiori a euro 15.000: il credito è compensabile, dal giorno 16 del mese successivo al mese di presentazione della dichiarazione, solo se in precedenza è stata presentata la dichiarazione Iva annuale munita di visto di conformità rilasciato da uno dei soggetti di cui all’art. 3, comma 3, lett. a – b, D.P.R. n. 322/98, ovvero mediante sottoscrizione della dichiarazione dall’organo incaricato ad effettuare il controllo contabile.

Sono legittimati al rilascio del visto di conformità: i responsabili dell’assistenza fiscale dei Caf-imprese e dei Caf- dipendenti, gli iscritti negli albi dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e in quelli dei consulenti del lavoro, gli iscritti entro il 30 settembre 1993 nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle Camere di commercio, industria artigianato e agricoltura per la sub-categoria tributi. Come chiarito con la risoluzione n. 82/2014, il professionista autorizzato ad apporre il visto di conformità, che intende utilizzare in compensazione orizzontale i crediti relativi alle imposte dirette superiori a 15.000 euro risultanti dalla propria dichiarazione, può effettuare l’operazione in autonomia, senza rivolgersi ad altri. Il principio vale anche per le compensazioni orizzontali dei crediti Iva. In alternativa al visto di conformità, le società tenute al controllo contabile (articolo 2409-bis del codice civile) possono utilizzare in compensazione i crediti afferenti alle imposte dirette superiori a 15.000 euro, se la dichiarazione è sottoscritta dallo stesso organo che si occupa del controllo contabile (collegio sindacale o revisore legale). In questo caso, infatti, si ritiene ugualmente eseguita l’attività di controllo prevista ai fini del rilascio del visto di conformità.

Per poter apporre il visto di conformità, i soggetti interessati devono presentare una comunicazione alla direzione regionale competente sulla base del proprio domicilio fiscale, contenente: dati anagrafici, requisiti professionali, codice fiscale e partita Iva; domicilio e altri luoghi ove viene esercitata l’attività professionale; denominazione o ragione sociale e dati anagrafici dei soci e dei componenti il Cda, ovvero del collegio sindacale, delle società di servizi delle quali il professionista intende avvalersi per svolgere l’assistenza fiscale.

Alla comunicazione va allegata: polizza assicurativa; fotocopia di un documento d’identità; dichiarazione di assenza di provvedimenti di sospensione dell’ordine professionale di appartenenza; dichiarazione di sussistenza di specifici requisiti, come non avere condanne e procedimenti penali pendenti per reati finanziari (vi rientrano anche i reati tributari, come la bancarotta fraudolenta), non aver commesso violazioni gravi e ripetute alle norme in materia contributiva e tributaria, non aver fatto parte di società incappate in provvedimenti di revoca nei cinque anni precedenti.

Inoltre, il professionista che intende apporre il visto di conformità deve essere…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it