Bonus ammortamenti: gli effetti su plusvalenze e minusvalenze future

Le imprese e i professionisti potranno fruire, già dal periodo di imposta che chiude al 31 dicembre del 2015, della maggiore quota di ammortamento calcolata sul 140 per cento del costo anziché sull’onere effettivamente sostenuto. La disciplina è prevista dall’art. 1, cc. da 91 a 94 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 e riguarda gli acquisti di beni strumentali nuovi anche se effettuati nel periodo 15 ottobre – 31 dicembre 2015, oltre a quelli relativi al 2016.
Il costo “rinforzato”, cioè maggiorato della predetta quota (non sostenuta) del 40 per cento, non assume alcun rilievo ai fini del calcolo delle plusvalenze. In buona sostanza il beneficio si sostanzia esclusivamente in una maggiore deduzione del costo, ma non nella riduzione delle eventuali plusvalenze realizzate o in un incremento delle minusvalenze.
La soluzione si desume in base ad un’interpretazione letterale del comma 91 in base al quale “con esclusivo riferimento alla determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria, il costo di acquisizione è maggiorato del 40 per cento”. La formulazione letterale fa comprendere chiaramente che il maggior costo assume rilievo ai soli fini dell’ammortamento e non riguarda neppure l’ipotesi di noleggio il cui onere detraibile è quello effettivamente sostenuto.
Si consideri il caso in cui il contribuente abbia acquistato un bene strumentale il 10 novembre 2015 il cui costo ammonta a 10.000 euro. L’ammortamento, secondo quanto previsto dalla disposizione in commento, potrà essere determinato, ai fini fiscali, sulla base maggiorata di 14.000 euro. Pertanto se il coefficiente di ammortamento, valido anche ai fini civilistici, è del 20 per cento, la quota risultante dal bilancio sarà pari a 2.000 euro. Al fine di fruire della detrazione “rinforzata” il contribuente potrà apportare nel quadro RF del Modello Unico 2016 una variazione in diminuzione pari a 800 euro, determinata applicando il coefficiente di…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it