Estesa alle SNC la sospensione della prescrizione dell’azione di responsabilità verso gli amministratori: prove di ritorno al futuro

La sentenza della Corte Costituzionale n. 262 dell’11/12/2015 in tema di estensione alle società di persone della sospensione della prescrizione dell’azione di responsabilità verso gli amministratori, offre lo spunto per una riflessione sul tema.
L’art. 2941 n. 7 C.C. dispone che la prescrizione delle azioni di responsabilità rimane sospesa tra le “persone giuridiche” e i loro amministratori, finché sono in carica.
Una prima e superficiale lettura farebbe ritenere che il riferimento alle “persone giuridiche” sia quello inteso dal Titolo II Libro I del cod. civ. che si propone di definire, in un genus ampio, gli enti collettivi contrapponendoli alle “persone fisiche”.
Tale approccio è favorito anche dalla lettura dell’art 18 cod. civ. che, trattando la responsabilità dell’amministratore da valere per tutti gli enti collettivi, rimanda ai principi che regolano il mandato lasciando intuire che lo schema base attraverso cui operano gli enti sia costituito da una collettività di soggetti che fungono da mandanti e da un numero assai più ristretto di mandatari con compiti esecutivi.
Sarebbe parso dunque coerente con questa (semplicistica) lettura, estendere a tutti gli enti la logica che sembra pervadere anche l’art 2941 n 7 c.c. volta a disciplinare l’obbiettiva situazione di conflitto esistente tra il soggetto che amministra e gli interessi dell’ente che, fino a quando il primo rimane in carica, impedisce a quest’ultimo di accertare l’esistenza di possibili condotte lesive dei propri interessi poste in essere dal suo amministratore.
Questa interpretazione apparentemente congruente con il sistema é stata abbracciata anche dal Tribunale di Napoli con sentenza 17/4/1998 (pubblicata in: Società 1998, 1324) ove si legge:” La responsabilità degli amministratori di società di persone è soggetta al termine di prescrizione di cui all’art. 2949, 1′ comma, cod.civ., applicandosi per altro anche alle società personali la causa di sospensione della prescrizione di cui all’art. 2941 n. 7 cod.civ.“.
Tuttavia l’interpretazione accreditata dalla dottrina1 e dalla giurisprudenza (cfr. Cass. 4/9/1985 n. 4603) della locuzione “persona giuridica” utilizzata nell’art 2941 n. 7 c.c. è limitata al solo perimetro degli enti “dotati di personalità giuridica” con esclusione dunque delle società che di tale personalità giuridica sono prive2.
La ratio è indicata nella diversa organizzazione sociale dei due tipi di ente caratterizzati da una ontologica segregazione tra organo amministrativo e soci nel caso delle società di capitali e nella opposta espressione osmotica di amministratori e soci nelle società di persone che rendono non estensibile ad essi la precauzione della sospensione dell’azione di responsabilità: inoltre non si può non rilevare che la sospensione della prescrizione non opera tra mandante e mandatario e dunque il principio non è esportabile a tutto il comparto degli enti ove le regole del mandato sovraintendono al rapporto tra amministratore ed ente.
Il primo importante vulnus alla solidità del principio sopra richiamato veniva inferto dalla Corte Costituzionale nel 1998 che con la sentenza n 322 dichiarava incostituzionale l’art 2941 n. 7 c.c. nella parte in cui non includeva tra gli enti a cui estendere la sospensione della prescrizione la società in accomandita semplice la cui organizzazione sociale, costituita da un amministratore accomandatario e soci accomandanti, richiama quella delle società di capitali.
L’indicata sostanziale omogeneità degli enti trovava dunque nell’art 2941 n 7 c.c. una disomogeneità di disciplina con la conseguenza che lo steccato interpretativo della norma doveva essere esteso.
Un fattore di interesse di questa sentenza è dato introduzione della motivazione che apre con una perentoria esclusione giustificata dall’esigenza di non creare equivoci: “va anzitutto esclusa l’applicabilità sia diretta che analogica…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it