Le opzioni sui tassi di interesse variabili: le options cap, floor e collar

spesso a tutela dell’andamento dei tassi sui prestiti ricevuti le imprese sottoscrivono contratti di ‘opzione’ volti a garantirsi da oscillazioni dei tassi: tali contratti spesso risultano di difficile interpretazione ai fini della registrazione contabile

L’andamento dei mercati finanziari può suggerire ad imprese di qualunque settore (e persino a privati) che abbiano contratto mutui e/o abbiano effettuato investimenti finanziari a tasso variabile, di stipulare contratti volti a garantirsi da eventuali oscillazioni in incremento nel tasso di indebitamento variabile ovvero volti a coprirsi da eventuali oscillazioni in decremento del tasso variabile di investimenti finanziari.  In questo articolo, spiegheremo gli aspetti operativi e contabili del tema in discussione.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it