Società di comodo, il problema della valutazione degli immobili; suggerimenti pratici, cosa escludere dai calcoli...

PREMESSA
Con riferimento in particolar modo alle società immobiliari, la rivalutazione effettuata ai sensi dell’art. 15 del D.L. 185/2008 può esplicare “effetti collaterali indesiderati” sul test da applicare in base normativa sulle società di comodo (art. 30 comma 1 Legge 724/1994).
In particolare, la crisi del settore delle locazioni, ha da un lato ridotto i canoni di mercato e dall’altro diminuito le possibilità di collocare sul mercato degli affitti gli immobili stessi.
La conseguenza è che spesso la società si ritrova nella situazione di detenere immobili con valore contabile elevato (per effetto della rivalutazione) che sono sfitti o locati a canoni sempre più bassi…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it