Le assunzioni programmate nel 2014 e non concluse nell'anno, alla luce della legge di stabilità 2015

A seguito delle disposizioni della legge di stabilità 2015, ed in particolare del suo comma 424, le quali prevedono che le capacità assunzionali degli anni 2015 e 2016 siano destinate alla ricollocazione del personale eccedentario delle Provincie, a fonte del consistente taglio del suo organico (50% per le Province e 30% per le Città Metropolitane), non sono pochi i Comuni che si interrogano sulla possibilità di portare a termine i concorsi pubblici e nominare i loro vincitori. Mentre con la circolare n.1 del 29/01/2015 la Funzione Pubblica ha consentito agli enti locali di portare a termine le mobilità iniziate nel 2014 e non concluse i tale anno, per quanto riguarda i vincitori dei concorsi ci si ferma sulle disposizioni della stessa legge di stabilità che prevedono la loro assunzione solo qualora la graduatoria sia stata approvata entro il 31/12/2014. Una sorta di apertura, sembra essere fornita dal fatto che l’utilizzazione delle capacità assunzionali per la ricollocazione del personale provinciale in esubero, debba attingersi sulle capacità assunzionali relative agli anni 2015 e 2016, mentre nulla si precisa in merito ad eventuali capacità assunzionali del 2014 non portate a termine. Allora, in dottrina qualcuno ritiene che vi sia ancora possibilità di utilizzare, per le assunzioni definite da graduatorie portate a termine oltre il 31/12/2014, le capacità assunzionali non spese nell’anno 2014, in quanto queste non sono da destinare al personale in esubero provinciale. Purtroppo, tali conclusioni sono state disattese sia con il Milleproroghe e, in modo particolare, dalla deliberazione della Corte dei Conti Sezione delle Autonomie con la deliberazione n.27/2014.

LE DISPOSIZIONI DEL MILLEPROROGHE
All’articolo 1 comma 2, del c.d. decreto mille proroghe (D.L.31/12/2014 n.192 “riferita proroga dei termini previsti dalle disposizioni legislative, successivamente convertito con modificazione nella Legge 27/02/2015 n.11), viene stabilito che “Il termine per procedere alle assunzioni di personale a tempo indeterminato, relative alle cessazioni verificatesi nell’anno 2013, previste dall’articolo 3, commi 1 e 2, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, dall’articolo 66, commi 9 -bis e 13 -bis del decreto-legge 25 giugno2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e successive modificazioni, è prorogato al 31 dicembre 2015 e le relative autorizzazioni ad assumere, ove previste, possono essere concesse entro il 31 dicembre 2015”. Tale disposizione non si applica agli enti territoriali ma esclusivamente agli Enti dello Stato. I Comuni resterebbero in tale caso esclusi. Ci si attendeva, almeno in fase di conversione in legge, che fosse data anche agli Enti locali detta possibilità, almeno per portare a termine le assunzioni le cui graduatorie non fosse stato possibile concluderle entro la data del 31/12/2014.

LA NOMOFILACHIA ED I RESTI ASSUNZIONALI
 In mancanza delle citate disposizioni derogatorie non estese agli enti territoriali, allora si era avanzata l’ipotesi di utilizzare le disposizioni di cui al d.l.90/2014 le quali avevano disposto che “a decorrere dall’anno 2014 è consentito il cumulo delle risorse destinate alle assunzioni per un arco temporale non superiore a tre anni, nel rispetto della programmazione del fabbisogno e di quella finanziaria e contabile”. Sul punto è, tuttavia, intervenuta la deliberazione n.27 del 03/11/2014 della Corte dei Conti Sezione delle Autonomie, la quale ha precisato che il riporto del cumulo delle risorse non può che riferirsi alla programmazione triennale del personale 2014-22016 (ovvero 2015-2017) e che pertanto tale cumulo è consentito solo in riferimento al citato triennio, senza alcuna possibilità …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it