Imprese multiattività e gli accertamenti basati sugli studi di settore

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 12 giugno 2014

la disciplina degli studi di settore per imprese che svolgono due o più attività è particolare: una panoramica di come tali particolarità si applicano in fase di accertamento standardizzato

La disciplina degli studi di settore, applicabile alle imprese esercenti due o più attività d’impresa (c.d. “multiattività”), è stata modificata ad opera del DM 11.2.2008: si è in presenza di una multiattività quando il soggetto che esercita due o più attività d'impresa (non rientranti nel medesimo studio) presenta un ammontare di ricavi relativi alle attività non prevalenti superiori al 30% dell'ammontare complessivo dei ricavi conseguiti; in tal caso, infatti, il soggetto è tenuto ad applicare lo studio di settore relativo all'attività prevalente esercitata ed a compilare il prospetto multiattività presente nel medesimo studio di settore.

Per i soggetti che esercitano due o più attività d'impresa - che non rientrano nel medesimo studio di settore - i risultati derivanti dagli studi di settore:

  • sono direttamente utilizzabili in sede di accertamento, a condizione che i ricavi dichiarati relativi alle attività non rientranti tra quelle considerate dallo studio di settore relativo all'attività prevalente siano pari o inferiori al 30% dei ricavi complessivi, o