Compensi agli amministratori: le regole schematizzate

in fase di calcolo di UNICO i compensi erogati agli amministratori risultano spesso un problema: la deducibilità per cassa, il trattamento del TFM, le spese per gli autoveicoli in uso da parte degli amministratori

Gli Amministratori che prestano la loro opera per la società solitamente percepiscono un compenso che può essere stabilito :

in misura fissa (deve essere contabilizzato in bilancio secondo il principio di cassa allargato (entro il 12 gennaio dell’anno successivo); il pagamento mediante assegni bancari si considera effettuato quando il destinatario loriceve (non basta quindi datare l’assegno con la data del 12 gennaio ma deve essere incassato entro tale data); nel caso di bonifico bancario la data che vale è quella che attesta l’accredito sul conto corrente dell’Amministratore;

in misura variabile in base agli utili si calcola sugli utili netti da bilancio al netto della quota imputata a riserva ed è da assoggettare a contribuzione previdenziale);

in misura mista (fisso più variabile).

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it