La rivalutazione degli immobili e scarico delle imposte anticipate

I maggiori valori derivanti dalle rivalutazioni di immobili eseguite ai sensi dell’art. 15 del DL n. 185/2008 sono riconosciuti ai fini fiscali solo a partire dal periodo d’imposta 2013.

Tale differimento degli effetti fiscali della rivalutazione rispetto agli effetti civilistici ha creato la necessità negli esercizi precedenti di evidenziare in contabilità l’insorgenza di crediti per imposte anticipate derivanti dalle differenze temporanee tra reddito imponibile e utile civilistico, che dovranno essere progressivamente riassorbiti.

Il tema viene di seguito trattato con un’analisi della normativa riguardante le rivalutazioni di immobili, della disciplina contabile della rilevazione di imposte anticipate unita ad un esempio numerico complessivo.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it