Start up innovative: il problema delle imprese individuali

il regime agevolativo delle start-up si applica alle società di capitali e non alle imprese individuali: può un’impresa individuale trasformarsi in SRL unipersonale per godere delle agevolazioni?

Aspetti generali

Le c.d. start up innovative sono state destinatarie di agevolazioni fiscali, nonché di particolari condizioni di vantaggio per l’accesso al credito, intese a facilitare il rilancio imprenditoriale del Paese.

I benefici fiscali riguardano in particolare i soggetti IRPEF e IRES che investano somme in tali società, ottenendo il diritto a detrazioni e deduzioni fiscali in relazione agli investimenti effettuati.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con il parere n. 0164029 dell’8.10.2013, ha ritenuto che il regime speciale – di cui agli artt. 25 e ss. del D.L. n. 179/2012 (convertito dalla L. n. 221/2012) possa applicarsi anche a un’impresa individuale che assume la forma della S.r.l. unipersonale, mediante trasmissione del patrimonio aziendale con separato atto di cessione.

Il regime, come verrà tra breve precisato, si applica alle società di capitali e non alle imprese individuali, e ordinariamente deve escludersi la possibilità di ammettere alla sua fruizione dei soggetti frutto di trasformazione eterogenea, per salvaguardare le garanzie offerte ai terzi creditori della società.

Ciò nonostante, con riferimento alla fattispecie esaminata, il Ministero ha ritenuto ammissibile l’agevolazione in ragione di esigenze volte a favorire lo sviluppo imprenditoriale del Paese, con riferimento a soggetti (detentori di privative industriali) che altrimenti potrebbero essere indotti alla «fuga» all’estero.

Le agevolazioni per le start up innovative

La start up innovativa è una società di capitali, residente in Italia, le cui quote, detenute in maggioranza da persone fisiche, non sono negoziate su mercati regolamentati, avente quale oggetto sociale esclusivo lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

Al fine di fruire della disciplina fiscale di favore, la start up innovativa deve rispettare alcuni requisiti, tra cui l’iscrizione in un’apposita sezione del registro delle imprese.

Il beneficio fiscale prevede:

  • una detrazione IRPEF del 19% (25% per le start up operanti in ambito sociale o energetico) delle somme investite da soggetti IRPEF in tali società;

  • una deduzione IRES del 20% (27% per le start up operanti in ambito sociale o energetico) delle somme investite da soggetti IRES.

Inoltre esse possono accedere gratuitamente, in via prioritaria e secondo modalità semplificate, alla garanzia sul credito bancario concessa dal Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese (ciò è previsto dal decreto di natura non regolamentare emanato dal Ministro dello Sviluppo economico di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze e pubblicato sulla G.U. n. 147 del 25.6.2013.

Si rammenta che l’art. 9, comma 16-ter, del D.L. 28.6.2013, n. 76, convertito con modificazioni dalla L. 9.8.2013, n. 99, ha esteso al 2016 le agevolazioni fiscali per gli investimenti in start up innovative.

La normativa di favore, prevista per gli anni 2013, 2014, 2015 (e ora anche per il 2016), consente alle persone fisiche e alle persone giuridiche di detrarre o dedurre dal proprio reddito imponibile le somme investite nelle start up innovative.

Le innovazioni in materia di start up innovative

Il D.L. 28.6.2013 n. 76 (convertito dalla L. 9.8.2013, n. 99) ha innovato i requisiti necessari per accedere al regime fiscale agevolato delle start up innovative, come sopra delineate.

In particolare, l’art. 9, comma 16, del D.L. n. 76/2013, ha soppresso la condizione prevista dall’art. 25, secondo comma, lett. a), del D.L. n. 179/2012, in base al quale la maggioranza delle quote o delle azioni rappresentative del capitale sociale e dei diritti di voto nell’assemblea ordinaria dei soci deve essere detenuta da persone fisiche.

Sono invece rimaste immutate le altre condizioni che devono ricorrere affinché una società possa essere considerata start up innovativa (elencate nella tabella seguente).

società costituita e svolgente attività di…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it