Accertamento con adesione senza convocazione

di Roberta De Marchi

Pubblicato il 17 gennaio 2014

in caso di presentazione di istanza di accertamento con adesione, il Fisco è legittimamente libero di scegliere se convocare o meno a contraddittorio il contribuente

Con la sentenza n. 24898 del 6 novembre 2013, la Corte di Cassazione torna ad affrontare la questione relativa al mancato invito da parte dell’ufficio all’istanza di adesione presentata dal contribuente, ai sensi dell’art. 6, c. 2, del D.Lgs. n. 218/97.



La sentenza

Come chiarito dalle Sezioni unite della Corte Suprema (Cass. 17 febbraio 2010, n. 3676) “in tema di accertamento con adesione, la mancata convocazione del contribuente, a seguito della presentazione dell’istanza ex art. 6 del d.lgs. 16 giugno 1997, n. 218, non comporta la nullità del procedimento di accertamento adottato dagli Uffici, non essendo tale sanzione prevista dalla legge”. “Nessuna norma impone in via generale l’obbligo di previa convocazione prima dell’accertamento, sia perché non subisce pregiudizi il diritto di difesa del contribuente, che può essere esercitato non solo nella fase contenziosa, ma anche subito dopo l’accertamento, mediante la procedura di definizione con adesione, durante la quale sono sospesi il termine per l’impugnazione dell’avviso di accertamento, il termine per eseguire il pagamento dell’imposta e la stessa iscrizione a ruolo delle somme liquidate, così da consentire al contribuente di fornire dati ed informazioni al fine di sollecitare l’attivazione dei poteri di autotutela della P.A.” (Cass. n. 14026 del 2012).



Breve nota

Con l’Ordinanza n. 18372 del 26 ottobre 2012 (ud. 19 settembre 2012) la Corte di Cassazione aveva già affrontato la questione affermando che "In tema diaccertamento con adesione, la mancata convocazione del contribuente, aseguito della presentazione dell'istanza D.Lgs. 19 giugno 1997, n. 218, exart. 6, non comporta la nullità del procedimento di accertamentoadottato dagli uffici, non essendo tale sanzione prevista dallalegge" (Cassazione civile sez. un. 17 febbraio 2010 n. 3676 e sez.trib. 28 dicembre 2011 n. 29127; in senso sostanzialmente conformecfr. Cass. 30 dicembre 2009 n. 28051).

Di recente, con la sentenza n. 3259 del 2 marzo 2012 (ud. 8 novembre 2011) la Corte di Cassazione aveva riaffermato cheprescindendo … da ogni considerazione circa l'intervento o meno di una tempestiva convocazione, è sufficiente rilevare che, secondo la giurisprudenza di questo giudice di legittimità, la presentazione di istanza di definizione da parte del contribuente, ai sensi del D.Lgs. 19 giugno 1997, n. 218, art. 6, non comporta l'inefficacia dell'avviso di accertamento, ma solo la sospensione del termine di impugnazione per un periodo di 90 giorni, decorsi i quali senza che sia stata perfezionata la definizione consensuale, l'accertamento diviene comunque definitivo, in assenza di impugnazione, anche se sia mancata la convocazione del contribuente, che costituisce per l'Ufficio non un obbligo ma una facoltà, da esercitare in rel