L’imposta sugli immobili detenuti all’estero

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 29 maggio 2013

con Unico 2013 entra a regime l'imposta patrimoniale dovuta sugli immobili posseduti all'estero, la cosiddetta IVIE; inoltre, in Unico 2013 bisognerà conguagliare gli importi dovuti per il 2011 e non ancora saldati

Come già commentato su queste colonne, la Legge di stabilità per il 2013 è intervenuta, in maniera significativa, sull’imposta patrimoniale degli immobili detenuti all’estero (IVIE) disciplinata dall’articolo 19, commi da 13 a 17, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, e successive modificazioni (art. 8 del DL 2.3.2012 n. 161). Una delle novità più importanti apportate dalla legge di stabilità concerne la previsione secondo cui l’imposta patrimoniale in commento deve applicarsi dal 2012 e che l’imposta versata nel 2011, per il 2012, deve essere considerata in acconto di quanto dovuto per il 2012: i versamenti effettuati in Unico 2012 relativi all'imposta dovuta per il 2011 potranno, dunque, essere portati a riduzione di quanto dovuto per il 2012, entro il prossimo 16 giugno 2013.

Nella gran parte dei casi, dunque, nulla sarà richiesto ai contribuenti per il 2012, atteso che risulterà sufficiente ciò che è stato già versato per il 2011. Ma posson