I contratti preliminari sono scritture contabili obbligatorie per la società immobiliare

di Roberta De Marchi

Pubblicato il 8 novembre 2012

la società immobiliare deve conservare i contratti preliminari relativi alla compravendita dei propri immobili come le altre scritture contabili obbligatorie

Con sentenza n. 36624 del 21 settembre 2012 (ud. 18 luglio 2012) la Corte di Cassazione ha sancito l’obbligo di conservazione dei contratti preliminari per le società immobiliari, affermando che la mancata conservazione determina il reato di occultamento delle scritture contabili.

 

Il fatto

Il Gup presso il Tribunale di Pistoia ha dichiarato non luogo a procedere nei confronti di P.A. in ordine al reato di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 perchè il fatto non sussiste. A fronte della contestazione di avere, al fine di evasione, occultato plurimi contratti preliminari riguardanti vendite immobiliari, il Giudice osservava che “il contratto preliminare non poteva di per sè costituire oggetto di occultamento/distruzione secondo quanto richiesto dal citato art. 10, giacchè da un lato lo stesso non poteva essere considerato 'scrittura contabile', e dall'altro neppure 'documento di cui è obbligatoria la conservazione' D.P.R. n. 600 del 1973, ex art. 22, comma 3 posto che in esso si fa testualmente riferimento agli 'originali delle lettere, dei telegrammi e delle fatture ricevuti e le copie delle lettere e dei telegrammi spediti e delle fatture emesse'".

Ha proposto ricorso il Procuratore della Repubblica per violazione di legge, atteso che in particolare che l'art. 2214 c.c., c. 2, “contiene una elencazione in parte specifica ed in parte generica; quanto alla prima si indicano gli originali di lettere, telegrammi e fatture ricevute e spedite, e quanto alla seconda si richiamano le altre scritture contabili richieste dalla natura e dalle dimensioni dell'impresa (ovvero, secondo quanto statuito da Cass. n. 2900 del 9.6.1978, la 'contabilità relativamente obbligatoria'). Nella specie, versandosi in fattispecie di società immobiliare, i preliminari in oggetto dovrebbero entrare a far parte delle scritture richieste dalla natura dell'impresa, posto che in essi si darebbe quietanza con la sottoscrizione dell'atto, del versamento della caparra trattandosi di una somma che entra nella disponibilità del venditore al momento della sottoscrizione del contratto, questi avrebbe l'obbligo di farne annotazione nelle scritture contabili ed il contratto diventerebbe pezza d'appoggio documentale della operazione di riscossione, dovendo, come tale, es