Consulente responsabile dell’operazione fiscale illecita?

La CTP di Reggio Emilia, con la sentenza 135/01/2012, del 26 marzo scorso, ha delineato i confini della responsabilità del consulente per la violazione fiscale imputata all’azienda. In particolare, il giudicante ha escluso ogni addebito in capo a un professionista che non solo non era stato l’ispiratore dell’illecita operazione finanziaria posta in essere dalla società, ma che non aveva neppure tratto alcun beneficio diretto dal compimento della stessa.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it