Anche con struttura complessa non si paga l’IRAP

di Roberta De Marchi

Pubblicato il 31 agosto 2012

una recente ordinanza della Cassazione torna sul tema dell'autonoma organizzazione: non basta un elevato ammontare di cespiti per essere soggetti ad IRAP

Con ordinanza n. 10012 del 18 giugno 2012 (ud. 26 aprile 2012), la Corte di Cassazione, dopo aver ribadito che, alla luce dei principi affermati in precedenza (Sez.UU., Sent. n. 12111 del 26/05/2009) secondo cui, in tema di IRAP, l'esercizio dell'attività di promotore finanziario di cui all’art.31, c. 2, del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, è escluso dall'applicazione dell'imposta soltanto qualora si tratti di attività non autonomamente organizzata (il requisito dell'autonoma organizzazione, il cui accertamento spetta al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato, ricorre quando il contribuente: a) sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell'organizzazione, e non sia quindi inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse; b) impieghi beni strumentali eccedenti, secondo l'id quod plerumque accidit, il minimo indispensabile per l'esercizio dell'attività in assenza di organizzazione, oppure si avvalga in modo non occasionale di lavoro altrui), ha affermato che “a tali principi non risulta essersi attenuta la decisione impugnata laddove ha ritenuto sussistente l'autonoma organizzazione sulla base del valore dei beni strumentali, dell'attività lavorativa svolta, del possesso di un archivio clienti adeguatamente protetto, dell'aggiornamento quotidiano e costosi circa l'andamento dei mercati, senza alcun riferimento alla circostanza che il contribuente si sia servito, o meno, negli anni in contestazione, di beni strumentali eccedenti, secondo l''id quod plerumque accidit', il minimo indispensabile per l'esercizio dell'attività”.

 

Brevi note

Con sentenza n. 12108 del 26 maggio 2009 (Ud. del 12 maggio 2009) la Corte di Cassazione a SS.UU. era già intervenuta sull’Irap degli agenti di commercio e dei p