Nuovo assetto normativo per l’abuso del diritto

di Alessandro Borgoglio

Pubblicato il 11 maggio 2012

il decreto di delega fiscale prevede che il governo, con un decreto legislativo, riformi le disposizioni legislative antielusive: ecco le prospettive sull'evoluzione normativa

La bozza dello schema del disegno di legge delega per la revisione del sistema fiscale prevede, finalmente, la tanto attesa riforma delle disposizioni in materia di abuso di diritto. Si era ormai venuta a creare, infatti, una situazione quantomeno “peculiare”, per cui, sotto il profilo normativo, vige la clausola generale antielusiva, la quale ha una sua specifica codificazione nell’ambito dell’articolo 37-bis del DPR 600/1973, che vincola la sua operatività a precise fattispecie elencate dalla norma stessa; sotto il profilo giurisprudenziale, però, la Cassazione, dapprima ha sostanzialmente mutuato dai principi fissati dalla Corte UE (sentenza C-255/02, causa Halifax) l’esistenza di un principio generale antielusivo in materia di IVA (Cass. 10353/2006 e 21221/2006), che eccede i limiti normativi fissati dall’anzidetto articolo 37-bis, e poi è giunta a stabil