Mancata emissione dello scontrino: via la black-list ma restano le segnalazioni

di Francesco Buetto

Pubblicato il 10 maggio 2012

il decreto sulle "Semplificazioni fiscali" modifica la discussa norma sulle black-list dei contribuenti che non emettono scontrino fiscale: ecco un quadro delle nuove sanzioni tributarie per tale fattispecie di tentativo di evasione

Il comma 8 dell’articolo 8 del D.L. n. 16 del 2 marzo 2012 aveva dato la possibilità all’Amministrazione finanziaria di elaborare delle liste selettive contenenti i nominativi di quei contribuenti che sono stati diverse volte segnalati alla stessa Agenzia o alla Guardia di Finanza in merito alla violazione dell’emissione della ricevuta fiscale o dello scontrino fiscale o del documento certificativi dei corrispettivi.

In sede di conversione in L. n. 44/2012, il comma 8, dell’articolo 8, è stato così riformulato: “Le Agenzie fiscali e la Guardia di finanza, nell'ambito dell'attività di pianificazione degli accertamenti, tengono conto anche delle segnalazioni non anonime di violazioni tributarie, incluse quelle relative all'obbligo di emissione della ricevuta o dello scontrino fiscale ovvero del documento certificativo dei corrispettivi”.

Se è vero che scompaiono le liste resta comunque la possibilità di tenere conto delle segnalazioni, in sede di pianificazione annuale.

In pratica chi è stato pizzicato a non emettere lo scontrino o la ricevuta fiscale corre il rischio di essere inserito in un piano di accertamenti o di verifiche.

 

La norma generale

L’art. 12, c. 2, del D.Lgs.n.471/97, prevede che qualora siano state contestate ai sensi dell'articolo 16 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, nel corso di un quinquennio, quattro distinte violazioni dell'obbligo di emettere la ricevuta fiscale o lo scontrino fiscale, compiute in giorni diversi, anche se non sono state irrogate sanzioni accessorie in applicazione delle disposizioni del citato decreto legislativo n. 472 del 1997, è disposta la sospensione della licenza o dell'autorizzazione all'esercizio dell'attività ovvero dell'esercizio dell'attività medesima per un periodo da tre giorni ad un mese. In deroga all'articolo 19, comma 7, del medesimo decreto legislativo n. 472 del 1997, il provvedimento di sospensione è immediatamente esecutivo. Se l'importo complessivo dei corrispettivi oggetto di contestazione eccede la somma di euro 50.000 la sospensione è disposta per un periodo da un mese a sei mesi.

La sospensione di cui al comma 2 è disposta dalla direzione regionale dell'Agenzia delle entrate competente per territorio in re