Le nuove patrimoniali sui beni esteri: lineamenti della disciplina e strumenti di reazione

il Governo Monti, sotto il nome di imposta di bollo, ha inserito una serie di prelievi patrimoniali sui beni (immobili e attività finanziarie) detenuti all’estero: una guida completa alle nuove imposte

Introduzione

Il D.L. 6.12.2011, n. 201 convertito con modifiche dalla L. 22 dicembre 2011 n. 214, ha introdotto tre nuove fattispecie di imposte patrimoniali sui beni detenuti all’estero e sui beni scudati.

In questa sede esamineremo le caratteristiche della patrimoniale sugli immobili e della patrimoniale sulle attività finanziarie.

Purtroppo, in spregio allo statuto del contribuente, la nuova imposta trova applicazione anche per il 2011.

Nel presente intervento illustreremo le caratteristiche del nuovo tributo sulla scorta di qualche esempio concreto, e proporremo anche (lecite) soluzioni che permettono di evitare il prelievo, quanto meno per il futuro.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it