Regime della trasparenza nelle S.r.l.: i limiti alla riattribuzione delle ritenute in eccesso

La questione della compensabilità delle ritenute in eccesso riattribuite dai soci
alla società partecipata è stata già oggetto di appositi interventi interpretativi (si
vedano la C.M. 23/12/2009 n. 56 e la circolare 12/05/2010 n. 18/IR
dell’IRDCEC), in rapporto alle società di persone e alle associazioni tra professionisti,
ritenendo ammissibile la retrocessione delle ritenute fino a concorrenza
dell’ammontare delle stesse in eccesso rispetto all’IRPEF dovuta dai soci o dagli
associati. Questa possibilità è stata negata alle società di capitali che adottano il
regime della trasparenza fiscale. L’affermazione è contenuta nella R.M.
03/10/2011 n. 99, con la quale l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad una richiesta
di interpello, ha chiarito che la retrocessione delle ritenute in eccesso,
non può avvenire a favore di società di capitali che adottano la trasparenza ai
sensi degli artt. 115 e 116 del T.U.I.R.

Scarica il documento allegato
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it