Bando ISI: istruzioni per la compilazione della domanda

di Antonella Madia

Pubblicato il 27 settembre 2021



In attesa del famoso “click day”, per il bando ISI di quest’anno, l’INAIL pubblica le regole e istruzioni operative per l’invio della domanda.

Bando ISI: premessa

bando isi compilazione domandaNon è ancora stata resa nota la data prevista per il famoso Click Day dell'INAIL per l'invio delle domande riguardanti il Bando ISI 2021; sappiamo solamente che il 30 settembre 2021 verrà pubblicato l’allegato “Tabella temporale”, all’interno del quale sarà possibile conosce la fatidica data.

Ciononostante, per prepararci all’invio, l'Istituto di assicurazione pubblica ha pubblicato il 14 settembre 2021 le istruzioni per la compilazione della domanda medesima.

 

Bando ISI: caratteristiche e interventi finanziabili

Prima di entrare nel dettaglio della compilazione è necessario specificare quando è possibile avvalersi del Bando ISI, e cosa prevede.

In particolare, il Bando ISI, prevede un finanziamento per progetti di potenziamento in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Più nel dettaglio, sono finanziabili progetti:

  • di investimento per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (asse 1);
     
  • per la riduzione dei rischi da movimentazione manuale di carichi (asse 2);
     
  • di bonifica da materiali contenenti amianto (asse 3);
     
  • specifici per micro e piccole imprese che operano in specifici settori di attività (come ad esempio pesca e fabbricazione di mobili) (asse 4).

Sono ovviamente previsti specifici massimali per ottenere l'incentivo, in particolare:

  • per gli assi 1, 2 e 3 – ossia progetti di investimento per l'adozione di modelli organizzativi, progetti per la riduzione dei rischi da movimentazione manuale dei carichi e progetti di bonifica dei materiali contenenti amianto – il contributo può essere pari al massimo al 65% dei costi, ed entro un contributo massimo concedibile di 130.000,00 euro e un finanziamento minimo ammissibile di 5.000,00 euro.
    Il limite minimo di finanziamento non è comunque fissato per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
     
  • per l'asse 4 – ossia per progetti specifici per micro imprese che operano in specifici settori di attività – il massimo concedibile è di 50.000,00 euro e il finanziamento minimo ammissibile è pari a 2.000,00 euro, sempre però nel limite massimo del 65% dei costi sostenuti da parte dell'azienda.

 

Le regole tecniche

Come stabilito da parte delle regole tecniche pubblicate da parte dell'INAIL, la domanda di ammissione del contributo deve essere inviata attenendosi pedissequamente alle regole tecniche di funzionamento dello sportello informatico.

Innanzitutto l'INAIL specifica che i profili utente previsti dalle procedure sono due, ossia quello di partecipante e quello di amministratore.

Il partecipante è la persona che materialmente utilizza la procedura informatica, mentre l'utente amministratore ha il potere di annullare la registrazione dei partecipanti.

Il partecipante dovrà registrarsi sul sistema nei giorni precedenti alla data di apertura dello sportello informatico.

È importante segnalare che il partecipante dovrà essere in possesso di:

  • codice identificativo attribuito alla domanda;
     
  • account di posta elettronica;
     
  • dispositivo telefonico da utilizzare come fattore di autenticazione.

Nella fase 1 vengono acquisiti gli indirizzi da parte del portale INAIL: infatti da momento 1 sarà disponibile la voce di menu “accesso” e lo sportello funzionerà da successivo canale di accesso per la presentazione della domanda afferente al Bando ISI.

Dopo aver effettuato tutta la parte di autenticazione, quando sarà possibile presentare effettivamente domanda per il Bando ISI 2021, sarà possibile accedere all'applicazione.

 

In caso di problemi tecnici...

L’INAIL ricorda che qualora non fosse possibile inviare la domanda per problematiche tecniche, e comunque per assistenza sulle modalità operative, è possibile avvalersi del servizio “INAIL risponde autenticato”, raggiungibile dall'area “Supporto” del portale istituzionale.

A tal proposito è importante ricordare quanto ha specificato l'INAIL con l'avviso pubblico del 14 settembre 2021; infatti per evitare problematiche durante la presentazione della domanda:

  • non è consentito utilizzare degli strumenti automatici di invio della domanda;
     
  • non può essere aperta più di una sessione con le medesime credenziali;
     
  • in caso di invii multipli farà fede l'orario di arrivo del primo invio;
     
  • nel caso in cui il sistema abbia lasciato il messaggio di presa in carico, sarà inutile ripetere l'invio della domanda.

Infine si ricorda che al fine di prevenire dei sovraccarichi della piattaforma, è necessario evitare di divulgare gli indirizzi acquisiti durante la prima fase e le credenziali rilasciate, in modo tale che possano essere utilizzati solamente dagli aventi diritto.

 

A cura di Antonella Madia

Lunedì 27 settembre 2021