Gli elementi essenziali del prestito vitalizio ipotecario

di Gianfranco Visconti

Pubblicato il 20 luglio 2021



Vediamo alcuni aspetti pratici dell'operazione di prestito vitalizio ipotecario, in particolare puntiamo il mouse (con esempi pratici) sulla capitalizzazione degli interessi e delle spese.

Prestito vitalizio ipotecario e determinazione del suo valore

prestito vitalizio ipotecario bancheIl comma 12° dell’art. 11-quaterdecies del Decreto-Legge 203/2005 così come modificato dall’art. 1° della Legge 44/2015 definisce il prestito vitalizio ipotecario come quello che ha per oggetto la concessione da parte di banche o di altri intermediari finanziari iscritti nell’Albo, tenuto dalla Banca d’Italia, previsto dall’art. 106 del Testo Unico Bancario (TUB) contenuto nel Decreto Legislativo n° 385 del 1993, di finanziamenti a medio e lungo termine, non finalizzati, garantiti da ipoteca di primo grado su un immobile residenziale di proprietà del soggetto finanziato, con capitalizzazione annuale di interessi e di spese, riservati a persone fisiche con età superiore a 60 anni compiuti.

Il rimborso sarà integrale, in un’unica soluzione, e può essere richiesto al momento della morte della persona finanziata ovvero qualora vengano trasferiti, in tutto o in parte, la proprietà o altri diritti reali o personali di godimento sull’immobile dato in garanzia o si compiano atti che ne riducano considerevolmente il valore