Triangolazione comunitaria: prova del trasporto

di Fabio Carrirolo

Pubblicato il 25 febbraio 2021



Le triangolazioni costituiscono un particolare tipo di cessione a catena coinvolgente tre soggetti distinti, a volte localizzati in tre diversi Paesi.
In generale, nell’ambito di una triangolazione il soggetto B (promotore) acquista da A (primo cedente) una fornitura di beni, incaricando quest'ultimo di spedirli direttamente al proprio cliente C (soggetto estero, secondo cessionario). B è anche individuato come “primo cessionario” o “secondo cedente”.
Quanto al trattamento tributario, ai fini soprattutto dell’IVA, sono concesse delle semplificazioni grazie alle quali quella che è formalmente una duplice cessione viene considerata come fosse un’unica operazione, seguendo il criterio dello spostamento fisico del bene ceduto (da A a C). Elemento determinante in questo passaggio è che fin dal principio l’operazione sia stata concepita come cessione da parte di A al destinatario finale (C), anche se tramite l’intervento del promotore (B).

Triangolazione comunitaria: aspetti generali

Triangolazione comunitaria prova trasportoNell’ambito delle triangolazioni, il trasporto dei beni deve avvenire a cura del primo cedente (se il trasporto viene eseguito direttamente da quest'ultimo o da un terzo in nome proprio, ma per conto del primo cedente), ovvero a nome del primo cedente (se il trasporto viene eseguito da un terzo in rappresentanza, ossia in nome e per conto, del primo cedente).

Le triangolazioni possono essere:

  • intracomunitarie, se gli operatori coinvolti sono identificati ai fini IVA in tre Stati membri diversi (di cui uno è l'Italia);
     
  • intracomunitarie improprie, se sono coinvolti due operatori identificati ai fini IVA in due Stati membri diversi (di cui uno è l'Italia) e il terzo operatore è un soggetto extra-UE;
     
  • “interne”, se i primi due operatori sono identificati ai fini IVA in Italia e il terzo è soggetto passivo IVA in un altro Stato membro (triangolazioni comunitarie interne) o situato in un Paese extra-UE (triangolazioni interne all'esportazione).

 

NdR: Sull'argomento potresti trovare utile anche:

Cessioni di beni all’estero senza termini di consegna

Triangolazione comunitaria e trasporto dei beni

Le cessioni a catena UE: operatore intermedio, triangolazioni, operazioni quadrangolari, trasporti

 

Triangolazioni intra UE

Le operazioni triangolari intracomunitarie sono caratterizzate dalla presenza di tre operatori, identificati ai fini IVA in tre Stati membri diversi.

L'operatore nello Stato membro 2 (SM2 - promotore) acquista il bene dal fornitore SM1 e lo rivende all'acquirente finale SM3, incaricando il fornitore SM1 del trasporto.

Questi passaggi sono in parte solamente virtuali, perché il bene subisce solamente una movimentazione: dallo Stato membro di SM1 allo Stato membro di SM3.

L’operazione triangolare rappresenta una semplificazione del triplice passaggio, che in sostanza, quanto agli effetti e agli adempimenti, viene “accorpato” e semplificato.

In assenza di tale semplificazione, avrebbero luogo:

  • una cessione domestica da SM1 a SM2, nello Stato membro di SM1;
  • una cessione intracomunitaria da SM2 a SM3,

con la necessità da parte di SM2 (acquirente – cedente) di identificarsi ai fini IVA sia nello Stato 1 (di partenza) che nello Stato 3 (di destinazione).

 

Semplificazioni

Nell’ambito della triangolazione si riducono gli adempimenti che sarebbero ordinariamente previsti.

Infatti, al promotore SM2 non è richiesto di identificarsi ai fini IVA nello Stato membro del primo fornitore SM1, né nello Stato membro del secondo cessionario SM3.

Sia la cessione SM1 a SM2 che quella da quest’ultimo a SM3 sono non imponibili, e l’imposta si applica una sola volta, dal secondo cessionario SM3, designato all'assolvimento del tributo dal promotore (primo cessionario) SM2 [artt. 38 co. 7, 40 co. 2 e 44 co. 2 lett. a) D.L. n. 331/1993].

 

Adempimenti richiesti

Se uno degli operatori, nell’ambito dell’operazione triangolare, è stabilito in Italia:

  • nel caso sia fornitore/primo cedente, realizza una cessione intracomunitaria non imponibile ex art. 41 co. 1 D.L. n. 331/1993 nei confronti del primo cessionario; annota la ces