Superbonus 110%: gli interventi trainanti

Uno dei cardini del nuovo superbonus del 110% è quello della definizione di intervento trainante. Vediamo quali sono gli interventi trainanti e come impattano ai fini dell’agevolazione la data di avvio e di chiusura del cantiere

Il Superbonus del 110 per cento rappresenta un rilevante beneficio fiscale la cui possibilità di fruirne è collegata, nella maggior parte dei casi, ai lavori condominiali.

Superbonus 110% per gli interventi in condominio

Il condominio può deliberare ed effettuare i lavori di cui all’art. 119, comma 1 del decreto Rilancio. La disposizione citata prevede che la detrazione relativa agli interventi in grado di assicurare il risparmio energetico di cui all’art. 14 del decreto – legge 4 giugno 2013, n. 63, si applichi nella misura del 110 per cento delle spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dl 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo per i seguenti tre interventi c.d. “trainanti”:

  • isolamento termico delle superfici opache che interessano l’involucro dell’edificio con incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente: è il c.d. “cappotto termico”;
  • interventi su parti comuni dell’edificio relativi a sostituzione impianti di climatizzazione sia a condensazione che a pompa di calore;
  • interventi su edifici unifamiliari di sostituzione di impianti di climatizzazione a pompa di calore.

Ulteriori interventi agevolati, che attribuiscono il diritto a fruire della detrazione “rinforzata” del 110 per cento, sono indicati ai commi da 1–bis a 1–septies dell’articolo 16 del decreto – legge 4 giugno 2013, n. 63. Si tratta del c.d. Sisma bonus, cioè degli interventi antisismici sotto indicati:

  • interventi antisismici generici;
  • con riduzione di una o due classi di rischio sismico;
  • con riduzione di una o due classi di rischio per parti comuni di condomini o simili;
  • fabbricati demoliti e ricostruiti da imprese costruttrici e venduti entro 18 mesi.

Gli interventi trainanti

Gli interventi di cui ai commi 1 ed il Sisma bonus di cui al successivo comma 4, costituiscono i cosiddetti interventi trainanti. Infatti, se da una parte attribuiscono al possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, il diritto a fruire della detrazione del 110 per cento, dall’altra consentono di applicare tale maggiore percentuale anche ad ulteriori interventi cosiddetti “trainati” solo se eseguiti congiuntamente ai primi. Si tratta degli altri interventi di efficientamento energetico di cui all’art. 14 del citato decreto – legge n. 63/2013.

Ad esempio, se dopo un intervento di isolamento termico con il rifacimento del “cappotto”, si procede alla sostituzione della tipologia di infissi in modo da ottenere un ulteriore risparmio energetico, anche con riferimento a tale tipologia di spesa sarà possibile beneficiare della detrazione del 110 per cento in luogo della misura ordinaria del 50 per cento.  Sarà essenziale, però, comprendere in quali casi gli interventi “trainati” possano essere considerati eseguiti congiuntamente, trattandosi di un presupposto essenziale al fine di fruire, anche in tale ipotesi, della detrazione rinforzata del 110 per cento. Il punto è stato affrontato dall’Agenzia delle entrate con la circolare n. 34 dell’8 agosto scorso.  Questi interventi non solo devono essere eseguiti congiuntamente con gli interventi c.d. “trainanti”, ma devono anche assicurare, nel loro complesso il miglioramento di due classi energetiche oppure, ove non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta a condizione che gli interventi siano effettivamente conclusi.

Con riferimento alla condizione richiesta dalla norma che gli interventi trainati siano effettuati congiuntamente agli interventi trainanti ammessi al Superbonus si precisa che tale condizione si considera soddisfatta se «le date delle spese sostenute per gli interventi trainati, sono ricomprese nell’intervallo di tempo individuato dalla data di inizio e dalla data di fine dei lavori per la realizzazione degli interventi trainanti». Ciò implica che, ai fini…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it