Aggiornamenti procedurali per congedi Covid-19

L’INPS si esprime relativamente alle procedure interne necessarie per la lavorazione dei permessi per Legge 104 e dei congedi Covid-19 per i genitori lavoratori dipendenti.
A seguito del Decreto Rilancio le modifiche apportate a tali istituti hanno reso necessario intervenire anche sulle procedure di gestione.

congedi covid

Congedi per Covid-19: premessa

Con il Messaggio n. 2764 del 9 luglio 2020 l’Istituto Previdenziale predispone nuove indicazioni per la gestione dei congedi Covid-19, del bonus baby-sitting, oltre che dei riposi giornalieri ex L. n. 104/2020 per i periodi compresi nei mesi di maggio e giugno 2020.

(Per approfondire…“Congedi parentali e permessi 104 per Covid-19: le istruzioni”)

 

Le nuove istruzioni

Come noto, il Decreto Cura Italia (D.L. n. 18/2020) ha introdotto con l’art. 23 una specifica tipologia di congedi parentali, che garantisce la possibilità di prendersi cura dei minori nel periodo di sospensione dei servizi educativi.

Il Decreto in questione ha introdotto anche giornate aggiuntive per permessi ex L. n. 104/1992, ma solo – inizialmente – per il periodo marzo/aprile 2020.

Su tale Decreto è intervenuto in seguito il Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020, recante “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” con novità per quanto riguarda i permessi retribuiti e i congedi per i dipendenti (artt. 72-73).

Le prime istruzioni in materia di congedi e permessi sono pervenute con la Circolare INPS n. 45 del 30 marzo 2020, la quale ora subisce delle modifiche sia nei presupposti sia nelle procedure; il Messaggio INPS n. 2764 del 9 luglio 2020 interviene proprio per elencare agli operatori gli aggiornamenti procedurali e le novità previste dal Decreto Rilancio in merito a:

  • conversioni (per le domande di congedi parentali presentate dai lavoratori dipendenti prima del 29/03/2020 e ricadenti in tutto o in parte nel periodo dal 05/03/2020 al 31/07/2020) e trasformazioni (domande di congedi parentali presentate da lavoratori iscritti alla gestione separata e da lavoratori autonomi presentate dal 17/03/2020 al 28/03/2020 e ricadenti in tutto o in parte nel periodo dal 05/03/2020 al 31/07/2020) d’ufficio dei congedi parentali a pagamento diretto e dei prolungamenti di congedi parentali, in congedi COVID-19;
     
  • compatibilità di congedi COVID-19 con Bonus Baby-sitting;
     
  • riposi giornalieri per Legge n. 104/1992 per Titolare e per assistenza a familiare disabile a pagamento diretto con periodo ricadente nei mesi di maggio e giugno 2020.

 

Congedi parentali

Come noto, il D.L. n. 18/2020 ha introdotto un congedo – alternativo al bonus baby-sitting – con il quale i lavoratori dipendenti genitori di figli con età non superiore a 12 anni hanno la possibilità di fruire di specifici congedi con il 50% della retribuzione, stanti specifiche regole.

Il D.L. n. 34/2020 è intervenuto su tale tema con delle modifiche tali per cui l’INPS, con il Messaggio n. 2110/2020, ha dovuto aggiornare le proprie procedure. Il nuovo testo prevede che:

Per l’anno 2020, a decorrere dal 5 marzo e fino al 31 agosto, per un periodo continuativo o frazionato comunque non superiore a trenta giorni, ciascun genitore lavoratore dipendente del settore privato ha diritto a fruire […] per i figli di età non superiore ai dodici anni […] di uno specifico congedo, per il quale è riconosciuta un’indennità pari al 50 per cento della retribuzione”.

Una delle novità rispetto alla versione originale del congedo riguarda il fatto che i periodi di congedo possono essere usufruiti in forma giornaliera od oraria (fatti salvi i periodi di congedo già fruiti alla data di entrata in vigore della legge di conversione del Decreto).

Ora, con il Messaggio in esame, l’Istituto Previdenziale specifica che per quanto concerne trasformazioni e conversioni di congedi parentali in “congedi Covid-19”, in presenza di più domande per un lavoratore, gli operatori dovranno effettuare le conversioni/trasformazioni d’ufficio secondo un criterio cronologico dalle domande più risalenti a quelle più recenti.

A tal proposito l’Istituto ricorda agli operatori di sede che in caso di richiesta di rinuncia…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it