Trust interposto: tassato in capo al disponente e senza credito per le imposte estere

L’Agenzia delle Entrate si esprime in merito al caso di un trust interposto in quanto revocabile dal disponente finché in vita. In breve chiariamo le implicazioni del caso.

trust interpostoLa risposta ad interpello 21.4.2020 n. 111 affronta il caso di un trust interposto in quanto revocabile dal disponente finché in vita.

Come chiarito dalla C.M. 48/E/2007, il Trust in quanto revocabile, viene a configurarsi come struttura meramente interposta rispetto al Disponente, al quale devono continuare ad essere attribuiti i redditi solo formalmente prodotti dal Trust.

Ciò comporta che tali redditi saranno assoggettati a tassazione, in capo al Disponente, secondo i principi generali previsti per ciascuna delle categorie reddituali di appartenenza ai fini delle imposte dirette.

L’Agenzia evidenzia che l’intermediario finanziario che ha attivato un rapporto di regime amministrato o di regime gestito deve essere informato dell’inesistenza del Trust ai fini dell’imposta sul reddito e deve applicare i predetti regimi di imposizione sostitutiva avendo riguardo al Disponente quale titolare delle Relazioni.

Per i redditi percepiti nel 2018 che non hanno subito tassazione alla fonte da parte dell’intermediario, il disponente dovrà assoggettarli a tassazione nel Modello Redditi senza beneficiare del credito per le imposte estere.

Segnaliamo che il Modello redditi 2020 per il 2019 ha introdotto nel rigo RM12 la casella per scomputare le imposte pagate all’estero anche a fronte di redditi di natura finanziari soggetti a tassazione sostitutiva.

 

A cura di Ennio Vial e Silvia Bettiol

Mercoledì 3 giugno 2020

 

Il Trust: la nuova disciplina fiscale e la nuova disciplina antiriciclaggio

 

VIDEO-CORSO ACCREDITATO IN DIRETTA il 10/06/2020-ORE: 15:30 – 18:30 
RELATORI: Ennio Vial, Silvia Bettiol, Stefano Bardin

 

I momenti di difficoltà stimolano i pensieri sul tema della tutela e del passaggio del patrimonio.

Questa è la prima di due videoconferenze che hanno lo scopo di fare il punto sulle molteplici novità che interessano il Trust a metà del 2020.

Verrà fatto il punto sulla copiosa giurisprudenza della Cassazione e della CTR del Veneto in tema di imposte di donazione e di imposte ipocatastali.

Degno di nota è, altresì, l’intervento del legislatore ad opera del D.L. 124/2019 in tema di tassazione dei beneficiari.

Molteplici sono anche le novità extrafiscali che interessano l’istituto: dalla disciplina antiriciclaggio, al registro dei titolari effettivi. 

La videoconferenza è destinata sia ad operatori del settore interessati ad un confronto sui nuovi temi, sia a professionisti interessati ad approcciare il tema.

 

APPROFONDISCI >>

 

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it