Pro-rata IVA per operazioni esenti in presenza di beni ammortizzabili

di Giancarlo Modolo

Pubblicato il 23 giugno 2020

Come influiscono le operazioni esenti sul calcolo del pro rata IVA? La variazione del pro rata IVA quali effetti pratici comporta per il contribuente? Quali sono gli effetti sull'IVA detratta per l'acquisto di beni ammortizzabili?

pro-rata iva operazioni esentiPro-rata IVA per operazioni esenti: premessa

La detrazione dell’imposta assolta sui beni e sui servizi in parte utilizzati per operazioni non soggette all’imposta non è consentita per la quota imputabile a tali utilizzazioni e, come regola, l’ammontare indetraibile deve essere determinato secondo criteri oggettivi, coerenti con la natura dei beni e servizi acquistati.

Nel caso in cui un soggetto passivo d’imposta ponga in essere operazioni imponibili e operazioni esenti di cui all’art. 10 del decreto Iva, il quinto comma dell’art. 19 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, puntualizza che ai contribuenti che esercitano contemporaneamente:

  • attività che danno luogo ad operazioni che conferiscono il diritto alla detrazione;

    e:

  • attività che danno luogo ad operazioni esenti ai sensi dell’art. 10;

il diritto alla detrazione dell’imposta compete in misura proporzionale alla prima categoria di operazioni e il relativo ammontare deve essere determinato applicando la percentuale di detrazione