Assicurazione infortuni domestici: ora solo telematica

Buone nuove per quanto riguarda l’assicurazione infortuni domestici (per chi svolge lavoro domestico a titolo gratuito per la famiglia e non è coperto da altre forme previdenziali): oltre all’aumento previsto nel 2019, adesso sarà possibile effettuare tutte le operazioni (iscrizione, rinnovo e cancellazione), direttamente online dal portale dell’INAIL.

assicurazione infortuni domestici telematicaL’assicurazione infortuni domestici, chiamata impropriamente “assicurazione infortuni casalinghe”, riguarda i casi di attività svolte gratuitamente e senza vincolo di subordinazione per la cura della famiglia e della casa.

Infatti, sono soggetti al pagamento di tale assicurazione i soggetti con età compresa tra 18 e 67 anni (quindi dalla maggiore età fino all’età della pensione), che prestano lavoro domestico non retribuito a favore della famiglia: tale attività deve essere abituale ed esclusiva, e quindi deve essere la principale occupazione del soggetto.

Inoltre, è soggetto a tale obbligo solo chi ha un reddito complessivo personale o un reddito del nucleo familiare che supera un certo importo, ossia un reddito personale lordo superiore a 4.648,11 euro ovvero un reddito familiare lordo superiore a 9.296,22 euro.

 

L’aumento dell’assicurazione con la Legge di Bilancio 2019

 

La Legge di Bilancio 2019, con l’art. 1, commi 534 e 535, ha introdotto delle novità con riferimento a tale assicurazione, e tra queste soprattutto l’aumento dell’importo annuale da pagare che passa da 12,91 euro a 24,00 euro, a fronte però di un abbassamento del grado di inabilità permanente necessario per la costituzione della rendita, che passa dal 27 al 16% e di numerose altre modifiche ed estensioni di copertura.

Senza entrare nel merito delle novità introdotte con la L. n. 145/2018, è bene segnalare che dal 2019 l’importo annuo da pagare per tale assicurazione è di 24 euro, che dovrà essere corrisposto da soggetti:

 

  • con età compresa tra 18 e 67 anni;
     
  • con reddito lordo personale superiore a 4.648,11 euro e reddito familiare lordo superiore a 9.296,22 euro;
     
  • che si occupano dell’ambiente in cui abitano a titolo gratuito, in via abituale ed esclusiva (anche studenti);
     
  • che non sono iscritti ad altre forme di assicurazione obbligatoria.

 

Restano esclusi da tale obbligo gli LSU, i titolari di borse lavoro, gli iscritti a corsi di formazione o tirocini, i lavoratori part-time e comunque chi abbia già in essere una tutela previdenziale. Sono invece esonerati (e non esclusi) i soggetti che hanno un reddito personale/familiare inferiore alle soglie poc’anzi citate.

Chi rientra nelle tipologie di soggetti tenuti a pagare l’assicurazione infortuni domestici dovrà effettuare il pagamento entro il 31 gennaio di ogni anno.

 

Assicurazione infortuni domestici: la gestione ora è solo telematica

 

Va a tal punto segnalata un’ulteriore novità: infatti la Circolare INAIL n. 37 del 30 dicembre 2019 ha introdotto a partire dal 1° gennaio 2020 i “Servizi telematici per l’assicurazione contro gli infortuni domestici”.

I servizi telematici disponibili sul sito INAIL sono i seguenti:

 

  1. domanda di iscrizione e richiesta avviso di pagamento. Bisognerà utilizzare esclusivamente tale servizio per la prima iscrizione all’assicurazione per i soggetti in possesso dei requisiti. Dopo aver fatto ciò, sarà possibile ottenere l’avviso di pagamento per poter pagare il premio annuale;
     
  2. domanda di iscrizione e rinnovo con dichiarazione sostitutiva. Tale servizio prevede che i soggetti in possesso dei requisiti assicurativi, ma che hanno condizioni reddituali che garantiscono l’esonero dal versamento, effettuino entro il 31 gennaio di ogni anno una dichiarazione utilizzando tale applicativo;
     
  3. invia la richiesta di cancellazione dall’assicurazione. Permette ai soggetti che non sono più in possesso dei requisiti necessari di effettuare la cancellazione;
     
  4. visualizza e stampa avviso di pagamento per rinnovo assicurazione;
     
  5. poi visualizza e stampa le ricevute degli avvisi pagati online tramite PagoPA;
     
  6. visualizza la situazione assicurativa e i pagamenti;
     
  7. invia segnalazioni e richiesta di informazioni.

 

In particolare è da segnalare come i primi tre punti sono obbligatori a partire dal 1° gennaio 2020.

Per accedere all’applicativo sarà…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it

Emergenza COVID-19

Gentile Lettore,
Commercialista Telematico ha deciso di mantenere attivi tutti i suoi servizi per informare e supportare tanti professionisti e imprese in questo difficile momento e ugualmente è impegnato nell’attuare le misure di contrasto alla diffusione del coronavirus a protezione dei propri dipendenti e collaboratori. Pertanto, qualora ne avessi necessità, ti invitiamo a utilizzare la comunicazione via e-mail anziché quella telefonica.
Ti risponderemo ai seguenti indirizzi: info@commercialistatelematico.com o ecommerce@commercialistatelematico.com

#IORESTOACASA