Corrispettivi telematici: come fare in caso di buoni pasto o ventilazione dei corrispettivi

di Gianfranco Costa

Pubblicato il 12 novembre 2019



Approfondiamo le recenti risposte alle istanze di interpello fornite dall’Agenzia delle Entrate, le quali hanno fornito chiarimenti in merito al nuovo adempimento previsto dalla memorizzazione e invio dei corrispettivi telematici.

Pagamento con buoni pasto e invio dei corrispettivi telematici

buoni pasto invio corrispettivi telematiciIniziamo dalla risposta ad interpello n. 419, avente ad oggetto la trasmissione dei corrispettivi telematici in caso di pagamento con buoni pasto.

Il quesito posto dal contribuente chiedeva il parere dell’Agenzia in merito ad un soggetto esercente attività di ristorazione che accetta i buoni pasto per l’erogazione dei servizi di somministrazione di alimenti e bevande.

L’articolo 6 della legge Iva ricorda che trattandosi di prestazioni di servizi, è il pagamento del corrispettivo che rileva il momento di effettuazione dell’operazione, a nulla rilevando in questo caso, l’istante in cui viene erogato il servizio.

Ci si deve quindi focalizzare sul momento in cui viene emessa la fattura nei confronti della soc