Bonus Pubblicità 2019: presentazione delle domande entro il 31 ottobre 2019

Come e quando è possibile richiedere il bonus per investimenti pubblicitari effettuati nel 2019? Vediamo le novità rispetto agli anni precedenti e come presentare domanda per il credito d’imposta: è possibile farlo già dal 1° ottobre.

 

Bonus Pubblicità 2019: che cos’è

 

Bonus Credito imposta Pubblicità 2019Con l’approvazione della Legge 08/08/2019, n. 81 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 12 agosto 2019) è stato reintrodotto il credito di imposta per la pubblicità, apportando alcune modifiche:

  • all’importo percentuale riconosciuto
  • e alla scadenza per l’invio della domanda.

Il decreto sport e cultura ha inoltre reso permanente il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari incrementali riconosciuto a imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali.

 

 

La normativa ha previsto un importo massimo di contributi da mettere a disposizione dei contribuenti ed ha introdotto un tetto individuale pari al:

  • 5% delle risorse disponibili per investimenti sui giornali,
  • 2% per gli investimenti su radio e TV.

Vige inoltre il “regime de minimis” e pertanto ciascun soggetto non potrà beneficiare di contributi per un ammontare superiore a euro 200.000 nell’arco di un triennio.

 

Il bonus pubblicità è stato istituito nel 2018 dal Decreto Legge 24/04/2017, n. 50, convertito dalla Legge 21/06/2017, n. 96, e successive modificazioni e riguarda le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie.

È necessario che l’ammontare complessivo degli investimenti pubblicitari realizzati superi almeno dell’1% l’importo degli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi d’informazione nell’anno precedente.

 

 

Nota: solo pubblicità su stampa ed emittenti radio-televisive locali

le campagne pubblicitarie (acquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali) devono essere effettuate esclusivamente sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali.

In buona sostanza si tratta di un’agevolazione sugli investimenti pubblicitari incrementali programmati ed effettuati sulla stampa (giornali quotidiani e periodici, locali e nazionali, anche on-line) e sulle emittenti radio-televisive a diffusione locale.

Il beneficio è riconosciuto per gli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulle emittenti radiofoniche e televisive locali, analogiche o digitali, iscritte presso uno specifico registro degli operatori di comunicazione, ovvero su giornali quotidiani e periodici, nazionali e locali (cartacei o o digitali), iscritti presso il competente Tribunale o presso il registro degli operatori di comunicazione, dotati della figura del direttore responsabile.

 

 

Normativa generale e gestione pratica del Bonus Pubblicità 2019

 

 

I soggetti che possono beneficiare del Credito d’imposta per Pubblicità

 

Possono beneficiare del credito d’imposta i soggetti titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo e gli enti non commerciali che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie, il cui valore complessivo superi di almeno l’1 per cento gli investimenti effettuati nell’anno precedente sugli stessi mezzi di informazione (stampa e emittenti radiofoniche e televisive).

Nel caso di investimenti pubblicitari articolati su entrambi i mezzi di informazione, l’incremento relativo all’investimento pubblicitario per il quale si chiede il credito d’imposta è verificato e calcolato distintamente in relazione ai due mezzi informativi.

Come detto i soggetti ammessi al bonus pubblicità sono imprese o lavoratori autonomi, indipendentemente da natura giuridica, dimensioni aziendali o regime contabile adottato, ed enti non commerciali.

Vi è da segnalare che il Consiglio di Stato (parere n. 1255 del 11 maggio 2018) ha chiarito che in materia di start up o di assenza di investimenti nel periodo precedente è preclusa l’agevolazione ai soggetti non hanno effettuato investimenti pubblicitari ovvero start-up e coloro che non hanno in precedenza effettuato investimenti pubblicitari.

 

Ammontare del Credito d’imposta per Pubblicità

 

L’art. 3-bis della Legge 08/08/2019, n. 81 ha stabilito per tutti i beneficiari che l’importo…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it