Fattura elettronica emessa in nome e per conto: quando e come si fa

A seguito dell’entrata in vigore dell’obbligo della fatturazione elettronica alcuni soggetti hanno optato per l’esternalizzazione dell’emissione delle fatture attive, rivolgendosi ad un professionista che le emettesse in nome e per conto loro.
Vediamo quanto ribadito e chiarito dall’Agenzia delle Entrate in merito.

 

Esternalizzare l’emissione della fattura elettronica 

 

L’obbligo di fatturazione elettronica è entrato in vigore il 1° gennaio 2019 e numerosi operatori, soprattutto quelli di “minori” dimensioni, erano meno “attrezzati” per fare fronte al nuovo adempimento.

Conseguentemente, i predetti soggetti si sono avvalsi della possibilità, come previsto espressamente dall’art. 21 del D.P.R. n. 633/1972, di esternalizzare il ciclo attivo di fatturazione.

In molti casi gli operatori si sono rivolti ad un intermediario abilitato, come ad esempio un professionista, chiedendo di procedere per loro conto e in loro nome all’emissione della fattura in formato elettronico.

Sul punto è intervenuta l’Agenzia delle entrate che ha fornito con la Circolare n. 14/E del 2019 alcuni chiarimenti.

 

Fattura elettronica per conto delle società ed associazioni sportive dilettantistiche

 

L’Agenzia delle Entrate ha ricordato preliminarmente come la scelta di esternalizzare il ciclo attivo di fatturazione sia il frutto di una libera scelta del cedente o prestatore.

In altri casi l’emissione della fattura da parte di un soggetto diverso rispetto a colui che ha posto in essere la prestazione (cessione di bene o prestazione di servizi) trova origine nella volontà del legislatore.

L’articolo 1, comma 3, ultimo periodo, del D.lgs n. 127/2015 fa riferimento alle società o associazioni sportive dilettantistiche, che si avvalgono del regime di cui alla L. n. 398/1991.

I predetti soggetti, se nel periodo di imposta precedente hanno conseguito ricavi per attività commerciali di ammontare superiore al limite di 65.000 euro, sono obbligati all’emissione della fattura in formato elettronico.

fattura elettronica emessa in nome e per conto terziIn tale ipotesi il legislatore ha previsto che se la prestazione è effettuata nei confronti di un soggetto passivo ai fini Iva, la fattura è emessa in nome e per conto del cedente/prestatore dal cessionario/committente.

 

Inizialmente non era chiaro se l’emissione del documento elettronico, effettuata da un soggetto diverso rispetto alla società o associazione sportiva che ha posto in essere la prestazione, fosse o meno obbligatoria.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito, nel corso dei diversi eventi ai quali ha partecipato, che la procedura descritta risponde innanzitutto ad esigenze di semplificazione ed è facoltativa.

Conseguentemente, la fattura può essere emessa anche direttamente dalla società o associazione sportiva che ha posto in essere la relativa prestazione.

 

Professionista delegato alle vendite dal giudice: come emettere la fattura in nome e per conto

 

La Circolare n. 14/E del 2019 ha chiarito ancora una volta che è obbligato ad emettere la fattura in nome e per conto del contribuente, e a versare l’Iva incassata all’Amministrazione finanziaria, il professionista delegato delle operazioni di vendita ai sensi dell’art. 591 – bis del codice di procedura civile.

A tal proposito il documento di prassi ha richiamato la precedente risoluzione n. 62/E del 16 maggio 2006.

La Circolare n. 14/E del 2019 ha precisato che in caso di fatturazione in nome e per conto di altro soggetto è necessario tenere conto della specificità della situazione.

Il professionista deputato ad emettere la fattura elettronica attraverso il Sistema di Interscambio, dovrà:

  • inserire nel campo “cedente/prestatore” i dati del soggetto esecutato;
  • valorizzare il campo “Soggetto emittente” con “TZ (Terzo)” senza compilare la sezione “Terzo intermediario o Soggetto emittente” (il professionista delegato agisce, come spiegato, per conto di altro soggetto);
  • inviare una copia (analogica o informatica) della fattura all’esecutato.

 

Ti consigliamo l’approfondimento sui termini di fatturazione, registrazione contabile e liquidazione d’imposta a seguito dell’introduzione della Fatturazione Elettronica.

 

A cura di Nicola Forte

Giovedì 19 Settembre 2019

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it