Rivalutazione dei beni di impresa: valutazioni di convenienza

di Nicola Forte

Pubblicato il 4 giugno 2019



La legge di Bilancio del 2019 ha riaperto i termini per effettuare la rivalutazione dei beni di impresa. Si tratta di una misura che ogni tanto viene riproposta per “fare cassa,” ma la convenienza dell’operazione risulta circoscritta a un numero esiguo di fattispecie. La valutazione deve essere effettuata dal contribuente a seconda della specifica situazione in cui si trova.

rivalutazione beni di impresaLa legge di Bilancio del 2019 ha riaperto i termini per effettuare la rivalutazione dei beni di impresa.

Si tratta di una misura che ogni tanto viene riproposta per “fare cassa”, ma la convenienza dell’operazione risulta circoscritta a un numero esiguo di fattispecie.

La valutazione deve essere effettuata dal contribuente a seconda della specifica situazione in cui si trova.

Gli elementi che incidono sulla convenienza dell’operazione sono di diverso genere.

Si procederà qui di seguito non all'approfondimento dell’intera disciplina, bensì all'esame degli stessi con l’intento di comprendere in quali casi l’operazione sia economicamente conveniente.

Vuoi approfondire l'argomento? Ti invitiamo a leggere:

"Nuova chance per chi vuole rivalutare i beni di impresa e le partecipazioni immobilizzate"

"La rivalutazione dei beni d’impresa prevista dal D.L. Agosto"

"Legge di bilancio 2020: la rivalutazione dei beni d’impresa"

 

La legge di Bilancio 2019: la rivalutazione dei beni d’impres