ISA: ambito soggettivo di applicazione e cause di esclusione

Gli Indici Sintetici di Affidabilità (ISA), che a decorrere dal 2018 sostituiscono gli studi di settore, hanno la duplice funzione di strumento di selezione delle posizioni da sottoporre a controllo e di rafforzamento della compliance fiscale mediante l’applicazione del regime premiale. Vediamo il loro ambito di applicazione e le cause di esclusione.

Gli Indici Sintetici di Affidabilità (ISA), che a decorrere dal 2018 sostituiscono gli studi di settore, hanno la duplice funzione di strumento di selezione delle posizioni da sottoporre a controllo e di rafforzamento della compliance fiscale mediante l’applicazione del regime premiale.

Sono soggetti al regime premiale i contribuenti che esercitano in modo prevalente una attività di impresa, arti e professioni per la quale risulti approvato un ISA e che non presentano una causa di esclusione.

I contribuenti esclusi dall’applicazione dagli ISA non potranno accedere al regime premiale e, fatta l’eccezione per le imprese multiattività, non sono tenuti alla presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli indici. 

Ambito applicativo degli ISA

I decreti MEF del 28 dicembre 2018 e del 23 marzo 2018 prevedono che gli ISA vadano applicati ai contribuenti esercenti attività di impresa o di lavoro autonomo, che svolgano come attività prevalente una o più attività tra quelle per le quali risulti approvato un ISA sempre che non sussista una condizione di esclusione.

L’attività prevalente è quella dalla quale deriva nel corso del periodo di imposta il maggiore ammontare di ricavi o di compensi.

Per quanto sopra, come già avveniva per gli studi di settore, i contribuenti che esercitano più attività di impresa e/o di lavoro autonomo sono tenuti all’annotazione separata dei ricavi e dei compensi riconducibili alle diverse attività esercitate e contraddistinte da codici Ateco differenti, presupposto necessario per l’individuazione dell’ISA da applicare.

Le istruzioni alla compilazione dei modelli ISA precisano che, se il contribuente esercita diverse attività di impresa e di lavoro autonomo deve determinare l’attività prevalente sia con riferimento all’esercizio dell’attività di impresa sia con riferimento all’esercizio dell’attività di lavoro autonomo.

Attenzione: per specifiche attività le istruzioni dei singoli ISA possono indicare criteri diversi di individuazione dell’attività prevalente.

Le cause di esclusione dagli ISA

In analogia con quanto era previsto per gli studi di settore, l’art. 9 bis del DL 50/2017, i decreti MEF di approvazione degli ISA, nonché le speciali disposizioni per il terzo settore, individuano le condizioni di esclusione dall’applicazione degli indici sintetici di affidabilità i cui codici identificativi dovranno essere indicati nel modello UNICO 2019.

Le cause di esclusione

1. Inizio dell’attività nel corso del periodo d’imposta;

2. Cessazione dell’attività nel corso del periodo d’imposta;

3. Ammontare di ricavi dichiarati di cui all’articolo 85, comma 1, esclusi quelli di cui alla lettera c), d) ed e) o compensi di cui all’articolo 54, comma 1, del TUIR, superiore a 5.164.569 euro;

Ai fini del riscontro delle condizioni per l’esclusione dall’applicazione degli indici individuate al punto 3, si evidenza che i relativi decreti di approvazione possono prevedere che ai ricavi o ai compensi debbano essere sommati o sottratti ulteriori componenti di reddito. Per maggiori chiarimenti si rinvia ai decreti di approvazione degli indici e alle “ISTRUZIONI PARTE GENERALE ISA”;

4. Periodo di non normale svolgimento dell’attività;

5. Determinazione del reddito con criteri “forfetari”;

6. Classificazione in una categoria reddituale diversa da quella prevista dal quadro degli elementi contabili contenuto nel Modello ISA approvato per l’attività esercitata;

7. Esercizio di due o più attività di impresa, non rientranti nel medesimo indice sintetico di affidabilità fiscale, qualora l’importo dei ricavi dichiarati relativi alle attività non rientranti tra quelle prese in…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it