Aiuti di stato nelle dichiarazioni dei redditi e IRAP: indicazioni per la compilazione delle nuove sezioni

I modelli di dichiarazione dei redditi e IRAP per il periodo d’imposta 2018 contengono, rispettivamente nel quadro RS e nel quadro IS, una nuova sezione da utilizzare per indicare le agevolazioni automatiche (aiuti di Stato e aiuti de minimis) di carattere fiscale, non risultanti dal Registro nazionale degli aiuti di Stato, i cui presupposti per la fruizione sono sorti nel corso del periodo d’imposta di riferimento, cioè nel 2018.

dichiarazione dei redditi 2019 anno d'imposta 2018Dichiarazioni dei redditi e IRAP: brevi indicazioni per la compilazione relativamente alle principali agevolazioni fiscali

I modelli di dichiarazione dei redditi e IRAP per il periodo d’imposta 2018 contengono, rispettivamente nel quadro RS e nel quadro IS, una nuova sezione da utilizzare per indicare le agevolazioni automatiche (aiuti di Stato e aiuti de minimis) di carattere fiscale, non risultanti dal Registro nazionale degli aiuti di Stato, i cui presupposti per la fruizione sono sorti nel corso del periodo d’imposta di riferimento, cioè nel 2018.

L’adempimento non va confuso con l’obbligo di informativa, previsto dai commi da 125 a 129 dell’art. 1 della legge n. 124/2017, che impone di indicare nella nota integrativa al bilancio 2018 o, in mancanza, nel proprio sito internet o ancora, in mancanza, sui portali digitali delle associazioni di categoria di appartenenza, le sovvenzioni, agevolazioni, ecc., non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria, effettivamente erogati nel corso del 2018 dalla pubbliche amministrazioni.

Si tratta di distinti adempimenti, basati su presupposti differenti che impongono l’assolvimento di due specifici obblighi.

Di qui nasce l’esigenza di individuare, in modo sintetico e in forma schematica, gli eventuali obblighi relativi alle principali e ricorrenti agevolazioni di carattere fiscale che interessano le imprese.

Il Registro nazionale degli aiuti di Stato  

L’art. 52 della legge n. 234/2012 (Norme generali sulla partecipazione dell’Italia alla formazione e all’attuazione della normativa e delle politiche dell’Unione europea), al fine di garantire il rispetto dei divieti di cumulo e degli obblighi di trasparenza e di pubblicità previsti dalla normativa europea e nazionale in materia di aiuti di Stato, ha previsto l’istituzione, presso il MISE, di un Registro nazionale degli aiuti di Stato al quale i soggetti pubblici o privati che concedono ovvero gestiscono i predetti aiuti devono trasmettere le relative informazioni, necessarie per le finalità proprie della citata norma.

Il funzionamento del citato Registro nazionale degli aiuti di Stato risulta regolamentato dal Decreto MISE 31 maggio 2017, n. 115, che chiarisce gli adempimenti, compresa la comunicazione al Registro, cui sono tenuti i soggetti che concedono agevolazioni e incentivi di qualunque genere, al fine di consentire il monitoraggio e la massima trasparenza in tema, soprattutto, di aiuti de minimis.

Nella pagina “Aiuti individuali” della sezione “Trasparenza” del citato registro, mediante la sola indicazione del codice fiscale del contribuente-beneficiario, è possibile verificare quali aiuti sono stati concessi; cliccando poi sulla finestra “Dettaglio” di ogni singola riga è possibile acquisire  i dati relativi alla singola agevolazione, compresa l’eventuale qualificazione di aiuto de minimis.

Il Registro nazionale degli aiuti di Stato non copre l’intera gamma delle agevolazioni ordinariamente concedibili, in quanto esistono già tempo:  

  • il Registro SIAN, dedicato alla registrazione degli aiuti di Stato e degli aiuti de minimis nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali,
  • il Registro SIPA, dedicato alla registrazione degli aiuti di Stato e degli aiuti de minimis nel settore della pesca e dell’acquacoltura,

per i quali valgono sostanzialmente similari regole di accesso.

Se questo è, in breve, il funzionamento del Registro degli aiuti di Stato va rilevato che non sempre il predetto Registro risulta completo in quanto, soprattutto in ambito tributario, sussistono una varietà infinita di agevolazioni di tipo automatico [1], cioè che non presuppongono una preventiva istanza esaminata dall’ente concedente e, quindi, una comunicazione da questi effettuata, con la conseguenza, pertanto che, essendo appunto automatiche, tali agevolazioni non risultano iscritte nel Registro.

Obbligo della sezione Aiuti di stato…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it