Le FAQ del Commercialista Telematico sulla dichiarazione integrativa: i dubbi pratici

Attraverso le risposte ai quesiti della videoconferenza del 5 luglio 2018 fornite dal Dott. Filippo Mangiapane in tema di dichiarazione integrativa, cerchiamo di fornire chiarimenti in merito ai dubbi reali relativi a casi pratici

Domande più frequenti CT | Commercialista Telematico - Software,ebook,videoconferenzePresentiamo le risposte ai quesiti della videoconferenza del 5 luglio 2018 (qui è disponibile la registrazione) fornite dal Dott. Filippo Mangiapane:

Dichiarazione integrativa per CU non dichiarata – Domanda 1

Cliente che per anno 2014 ha presentato Unico PF 2015 chiedendo a rimborso € 2.000 e compensando € 130,00 per addizionali regionali e comunali. Riceve in questi giorni lettera Agenzia delle Entrate perché non ha dichiarato una CU. Faccio dichiarazione integrativa: risultato minor credito € 1.950,00 e compenso lo stesso importo in origine € 130,00 di addizionali. Residuano da versare € 20,00 sempre addizionali. Faccio ravvedimento pagando sanzioni al 15% sono a posto o residua ancora la vecchia sanzione per dichiarazione infedele di € 250,00? Se sì, con quale codice tributo verso? Stessa cosa per dichiarazione a debito. Con ravvedimento è ok o devo versare sanzione di cui sopra a parte? Grazie

Risposta

Nel caso descritto la dichiarazione originaria era infedele per 1.950 euro di Irpef e per 150 di addizionali (se ho ben interpretato il quesito).

Il ravvedimento va pertanto effettuato versando 1.950 per Irpef, oltre sanzione 15% e interessi e 150 per addizionale, oltre 15% e interessi.

Trattandosi di violazioni da art 1, comma 2, D.Lgs. 471, non è dovuta la sanzione dell’art 8. 

***

Ravvedimento dell’acconto per addizionale –  Domanda 2

COMUNICAZIONE AGENZIA ENTRATE DEL GIUGNO 2018 RELATIVO AD UNICO 2015 per redditi 2014 ove si chiede di rettificare 730/2015 per reddito lavoro dipendente di 3.500 euro non dichiarato (sostituto imposta ha presentato in ritardo 770). Dalla integrativa ad Unico 2015 (compilato inserendo quanto emerso nella dichiarazione originaria e credito rimborsato da agenzia delle entrate…) emerge un saldo Irpef e un acconto addizionale regionale.

DOMANDA: il software Sogei COMPLIANCE non mi consente di ravvedere l’acconto addizionale: devo comunque pagarlo e aggiungere le sanzioni? inoltre per l’anno successivo in 730 2016 Devo integrare per l’acconto in più versato?

Risposta

No. Gli acconti per i quali alla data di presentazione della dichiarazione integrativa sono già scaduti i termini di versamento non devono essere integrati.

***

Sanzione base del 90% – Domanda 3

Dovendo inviare una Dichiarazione 2017 integrativa per una Srl trasparente per correzione incongruenza quadro T studi, che produce maggior Iva da adeguamento, minor credito irap e ovviamente Irpef a debito per i soci, che sanzione applicare per la Srl? E per i soci? Già si era adeguata… Presumo il 90%.

Risposta

Confermiamo che se l’integrativa comporta un maggior debito d’imposta, sullo stesso è dovuta la sanzione base del 90%.

***

Dichiarazione presentata in ritardo non è omessa fino al 91esimo giorno – Domanda 4

In caso di dichiarazione redditi – modello Unico società capitali – presentata tramite intermediario ed acquisita dal sistema con 1 minuto di ritardo rispetto alla scadenza (ore 00,01) l’agenzia delle entrate considera la dichiarazione OMESSA. Sussistono presupposti per presentare un’integrativa a favore, atteso che in realtà il debito è nettamente inferiore rispetto al richiesto dall’Agenzia. Si domanda se possibile procedere per sanare la situazione.

Risposta

La dichiarazione è considerata omessa solo se l’invio è avvenuto alle 00.01 del 91/mo giorno successivo alla scadenza. In tal caso, in assenza di dichiarazione validamente presentata, non è possibile presentare una dichiarazione integrativa (né a favore, né a sfavore).

Eventuali errori di fatto o di diritto che abbiano inciso sull’obbligazione tributaria determinando un maggior debito d’imposta potranno essere fatti valere in sede di accertamento o di giudizio (anche di opposizione alla riscossione).

***

Correggere l’errore anche se non determinante?  – Domanda 5

lo scorso anno ho sbagliato ad indicare la percentuale di divisione utili di una Sas in semplificata. Siccome la società era in…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it