Le prestazioni sanitarie in farmacia (diagnosi, cura e riabilitazione): esenzione IVA

quali sono servizi erogabili da farmacie soggetti ad esenzione IVA? Sono esenti da IVA soltanto le prestazioni di diagnosi, cura e riabilitazione effettuate in farmacia da soggetti abilitati all’esercizio della professione…

Sono esenti da IVA soltanto le prestazioni di diagnosi, cura e riabilitazione effettuate in farmacia da soggetti abilitati all’esercizio della professione. E per tali servizi, così come quelli analitici di autocontrollo, la certificazione dei corrispettivi può essere effettuata mediante scontrino parlante. E’ quanto chiarisce l’Agenzia delle Entrate nella risoluzione n. 60/E/2017. In particolare, il documento chiarisce che l’esenzione IVA è subordinata al duplice requisito della natura della prestazione (diagnosi, cura e riabilitazione) e di colui che la rende (soggetti abilitati all’esercizio della professione). 

Premessa

All’interno di una farmacia, rispetto all’ordinaria vendita di medicinali, vengono svolti ulteriori servizi in presenza, nella stessa farmacia, di operatori sanitari. L’Agenzia delle Entrate con la Ris. 60/E/2017 ha fornito chiarimenti riguardo il trattamento fiscale IVA e degli obblighi di certificazione dei corrispettivi relativi ai servizi sanitari erogabili direttamente dalle farmacie.

Ai fini dell’esenzione IVA, ex art. 10, dipende dai seguenti fattori:

  • Natura della prestazione;
  • Soggetti abilitati all’esercizio della professione.

Riguardo gli obblighi di certificazione dei corrispettivi, le prestazioni devono essere documentate mediante lo “scontrino parlante”: natura, qualità e quantità dei servizi prestati ed il codice fiscale del destinatario.

Servizi erogabili da farmacie e requisiti per l’esenzione IVA

Le farmacie, oltre alla vendita di medicinali, erogano altri servizi.

L’art. 11 della Legge 69/2009, il D.Lgs. n. 153/2009 e i DM 57/2010 , DM 90/2010 e DM 8.7.2011 hanno previsto la possibilità che la farmacia eroghi prestazioni sanitarie ai cittadini.

L’art. 10 c. 1 del Decreto IVA stabilisce che sono esenti IVA le prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione rese alla persona nell’esercizio delle professioni e di arti sanitarie.

In definitiva, la Risoluzione 60/E/2017 ha precisato che l’esenzione di cui all’art. 10, si applica:

  1. Alle prestazioni rese dalle farmacie tramite la messa a disposizione di operatori socio – sanitari, infermieri e fisioterapisti, se richieste dal medico o pediatra;
  2. Alle prestazioni di supporto all’utilizzo di dispositivi strumentali per i servizi di secondo livello se prescritti da medici o pediatri.

Al contrario, il regime di esenzione IVA non è applicabile alle seguenti operazioni:

  1. prestazioni di prima istanza rientranti nell’ambito dell’autocontrollo se eseguite direttamente dal paziente mediante apparecchiature automatiche disponibili presso la farmacia e senza l’ausilio di un professionista sanitario;
  2. Servizi di prenotazione, riscossione e ritiro dei referti.

 

  • Prestazioni rese dalle farmacie tramite messa a disposizione di operatori sociosanitari

Requisiti per l’esenzione IVA: -prestazioni professionali oggettivamente riconducibili alla diagnosi, alla cura e alla riabilitazione della persona; – prestazioni rese da infermieri, fisioterapisti, operatori socio-sanitari sottoposti a specifica vigilanza (art. 99, Testo Unico delle leggi sanitarie, Decreto interministeriale 17 maggio 2002).

  • Prestazioni analitiche di prima istanza rientranti nell’ambito dell’autocontrollo

Requisiti per l’esenzione IVA: – prestazioni effettuabili tramite apparecchiature automatiche disponibili presso la farmacia (ad esempio, test per glicemia, analisi urine, pressione arteriosa ecc.); – prodromiche alle prestazioni di diagnosi, cura e riabilitazione della persona, successivamente rese da figure professionali

  • Prestazioni di supporto all’utilizzo di dispositivi strumentali per i servizi di secondo livello

Requisiti per l’esenzione IVA: – erogazione, anche da remoto, di figure professionali, dispositivi strumentali e servizi di secondo livello, secondo le prescrizioni dei medici di medicina generale e dei pediatri; – prestazioni riferibili alla sfera della diagnosi,…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it